Si chiama Queimada Grande ed è un isolotto situato non distante dalle coste del Brasile, la sua superficie totale corrisponde a circa 4.000 metri quadrati, nell'Oceano Atlantico, distante 40 chilometri da San Paolo. A vederla sembra una località turistica meravigliosa costituita da superficie rocciosa e ricca di vegetazione, una vera e propria meraviglia della natura, ma che nasconde verità inquietanti. E' popolata da quasi 4.000 specie di serpenti diverse e tutte molto velenose, infatti è considerato il posto più pericoloso al mondo. L'isola è conosciuta con il soprannome di snake island (isola dei serpenti) e fra tutte le specie presenti spicca il ferro di lancia dorata, il più famoso crotalo scientificamente denominato Bothrops insularis, è in cima alla lista dei serpenti più velenosi della Terra, il suo morso infatti è altamente letale in meno di un'ora e nello stesso tempo risulta mortale per oltre il 7% dei casi.

La leggenda che è stata trasmessa tramite i pescatori della zona, narra che questi serpenti sono stati portati sull'isola da alcuni pirati, che li utilizzavano per proteggere il proprio oro e gioielli, ma in realtà sembrerebbe invece che i quattromila metri quadrati di isolotto si siano popolati di queste specie pericolose moltissimi anni fa (circa 11.000) quando l'isola era collegata alla terraferma, prima ancora che le acque innalzandosi la separassero dalle coste del Brasile. Alcuni ricercatori del Butantan Institute hanno reso noto che il veleno del Bothrops insularis sarebbe molto utile in campo farmaceutico come elemento di base per molti farmaci utili per combattere malattie cardiache e di circolazione sanguigna. Per questi motivi l'isola è meta di molti bracconieri che si recano periodicamente per catturare i serpenti e venderli per molte migliaia di dollari.

I migliori video del giorno

La Marina Militare brasiliana controlla comunque costantemente gli accessi all'isola per evitare attività di speculazione di carattere commerciale. Attenzione quindi a non naufragare nei pressi di questa isola perché potrebbe essere letale per chiunque ci metta piede.