Sempre meno italiani partono durante il periodo natalizio, questa è la conclusione a cui è arrivata Federalberghi con una sua indagine sull'argomento, dalla quale sarebbe emerso anche che la maggior parte di coloro che decidono di passare le vacanze natalizie a casa, lo fa fondamentalmente per motivi economici. Esattamente saranno ben 48 i milioni di italiani che non si muoveranno dalla propria casa durante queste festività e di questi il 61% opterà per questa scelta esclusivamente a causa di motivi di natura economica. Sono invece ben 11,8 milioni coloro che partiranno nel periodo che va da Natale a Capodanno con una flessione dell'1,6% rispetto all'anno precedente.

Di coloro che partiranno secondo i dati in possesso di Federalberghi l'88% rimarrà comunque in Italia e solo il 12% andrà in viaggio all'estero. Il giro di affari del settore in questo periodo subirà un auspicatissimo aumento che porterà benefici a tutto il settore anche grazie alla ripresa e riapertura del mercato del Mar Rosso con Sharm el Sheik in pole position e nuovamente meta appetibile per molti degli italiani che decidono di passare le festività all'estero.

Comunque secondo uno studio effettuato dall'Istituto Piepoli e commissionato da Confcommercio la fiducia dei consumatori è in crescita e questo soprattutto per quello che concerne il settore dei viaggi e del turismo. Fra le mete più agognate di chi parte vi sono ai primi posti sempre le città d'arte. Anche la montagna diventa meta sempre più agognata e in crescita nei desideri degli Italiani.

I migliori video del giorno

Per quanto riguarda l'estero invece come già detto in precedenza torna di moda il Mar Rosso ma anche le grandi capitali europee con in testa Madrid, Londra, Parigi, Barcellona, Vienna e Praga. In ogni caso chi parte cerca in maggioranza di risparmiare e infatti la spesa media pro capite è di circa 600 euro mentre per chi ha maggiori possibilità economiche invece la spesa pro capite si dovrebbe aggirare intorno ai 1200 euro, fino ad arrivare anche a cifre molto più elevate. In questo ultimo caso le mete esotiche sono quelle che vanno per la maggiore.