Sul sole 24 ore di ieri è apparso un articolo dal titolo “Sull’attività di guida turistica fa scuola di decreto Bersani” facendo riferimento ad una sentenza di corte di Cassazione pubblicata l’11 gennaio , ovvero la sentenza nr. 461 della seconda sezione civile.

Leggendo le 12 pagine della sentenza viene fuori che non vi è ancora alcuna sentenza che potrebbe fare legge e che il giudice ha cassato e quindi rinviato al giudizio di un altro magistrato.

“Leggendo questo ennesimo articolo sulle professioni turistiche si comprende che si aggiunge confusione a confusione. Di contro invece ci vorrebbero regole chiare e non una matassa ingarbugliata di interpretazioni in cui alla fine ognuno fa quello che gli pare senza regole” – commenta Mariangela Palmisano responsabile nazionale di #CONFEDERCONTRIBUENTI #Turismo.

Di certo è che la professione della guida turistica è regolata al momento dalla Legge nr. 97 del 6 agosto 2013; dal DM del 7 aprile 2015 ove sono specificati i siti di particolare interesse storico, artistico e archeologico per i quali occorre diversa abilitazione; dal DM nr. 11 di dicembre 2015; nonché dalla circolare nr. 1 del 24/08/2016 della direzione generale turismo. Tutte queste normative tengono conto delle regole “imposte” dalle Direttive comunitarie di libera circolazione delle professioni.

L’unica certezza è che la materia turistica fa capo al MIBACT il quale si avvale delle Regioni (anche quelle a statuto speciale) per la verifica dei titoli e l’espletamento degli esami di abilitazione. Si attendono gli esiti dei vari ricorsi oltre alle modalità di verifica ed espletamento esami per esercitare il servizio guida nei siti di particolare interesse.

I migliori video del giorno

Per la vastità del nostro patrimonio culturale le guide potrebbero lavorare nei territori in cui hanno preparazione e continuare con professionalità e passione a trasmettere le emozioni che ogni sito possiede. Come Confedercontribuenti Turismo siamo pronti a farci portavoce degli operatori e farci promotori di proposte che mirano ad un turismo che faccia ripartire l’economia” – conclude Mariangela Palmisano. #guide turistiche