Addio al bagaglio a mano. A partire da oggi venerdì 26 giugno tutti coloro che viaggeranno in aereo non potranno portare con sé il bagaglio a mano in cabina. Bisognerà quindi preoccuparsi di consegnarlo ai banchi del check-in. La procedura è valida su tutti i voli nazionali e internazionali che partono e sono diretti per l’Italia. Tale misura è stata adottata per contenere il fenomeno Covid-19 ed evitare possibili contagi.

A seguito della disposizione del ministero della Salute del 23 giugno 2020, l’uso delle cappelliere viene dunque ad essere vietato. Si potrà portare a bordo solo un bagaglio di piccole dimensioni da posizionare sotto al sedile di fronte al passeggero.

Come ha già chiarito Alitalia, sì a borse da donna, zaini, porta computer e altri oggetti contenenti gli effetti personali che non eccedano le misure di 36 x 45 x 20 cm. Trolley e borsoni potranno, invece, essere riposti in stiva a titolo gratuito.

Enac: 'Vietato l'utilizzo delle cappelliere'

Con una comunicazione facente riferimento al Dpcm dello scorso 11 giugno, l’Ente nazionale per l’aviazione civile (ENAC) ha trasmesso alle compagnie aeree e alla Iata (International Air Transport Association) le nuove misure riguardo i bagagli a mano. Riporre il trolley o altri oggetti in cappelliera è visto come un momento di assembramento durante la fase di imbarco che potrebbe causare nuovi contagi, per cui ne viene vietato l’utilizzo.

No al distanziamento interpersonale a bordo

La nota dell’Enac ha riportato che è consentito derogare l’obbligo del distanziamento interpersonale di un metro nel caso in cui siano soddisfatte determinate condizioni sanitarie come il ricambio di aria a bordo. Inoltre, poiché tutti i sedili verranno occupati, ogni passeggero dovrà continuare a indossare la mascherina e cambiarla ogni quattro ore.

Misurazione della temperatura e autocertificazione

La direttiva diffusa dall'Enac prevede anche che si dovrà misurare la temperatura corporea di ogni passeggero prima che salga a bordo dell’aeromobile. Nel caso in cui si superino i 37,5° sarà vietato l’accesso a bordo. Sarà dunque considerato superfluo un ulteriore controllo durante le fasi successive dell’imbarco.

Il passeggero dovrà inoltre compilare un’autocertificazione attestante che non è entrato in stretto contatto con persone affette da Covid-19 negli ultimi due giorni, prima dell’insorgenza dei sintomi e fino ai 14 giorni successivi. Il passeggero si impegna poi a comunicare al vettore e alle autorità sanitarie territoriali competenti la manifestazione dei sintomi entro otto giorni dallo sbarco dall'aeromobile affinché si possano rintracciare i contatti. Il modello da compilare, fornito dal ministero della Salute, deve essere riempito, preferibilmente in modalità elettronica, dal passeggero che lo consegnerà prima della partenza alla compagnia aerea.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Viaggi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!