A pochi giorni dalla pubblicazione dei calendari per il prossimo campionato di #serie c, è caos vero e proprio. Il Rende non ha digerito la beffa arrivata al fotofinish con il mancato ripescaggio in #Serie C. Inizialmente, la società aveva spiegato, attraverso una nota, che stava valutando la situazione: "Il Rende Calcio, nel prendere atto della non ammissione in Lega Pro decretata dal Consiglio Federale che si è svolto venerdì 4 agosto, resta in attesa di conoscere le motivazioni che hanno portato a tale decisione. Nel contempo il presidente Fabio Coscarella è in viaggio per Napoli dove è previsto in serata un incontro con i legali della società per decidere, dopo aver preso visione delle motivazioni inerenti il non accoglimento della domanda di ripescaggio, se presentare ricorso al Collegio di Garanzia del Coni".

Pubblicità
Pubblicità

Oggi, lunedì 7 agosto, la società ha annunciato di aver presentato il ricorso: "Il Rende Calcio, in merito alla non accettazione della domanda di ripescaggio in Lega Pro, comunica che dopo aver valutato la posizione di concerto con i legali della società, ha deciso di depositare il ricorso al Collegio di Garanzia del Coni. La società è inoltre intenzionata a far valere nelle sedi opportune le sue argomentazioni mettendo in campo tutte le energie possibili per ristabilire il giusto corso delle cose." Insomma, già prima dell'avvio del campionato, è già caos per la prossima Serie C. Potrebbero essere cambiati i gironi già decisi?

Cambia il girone C?

Cosa succede se il Rende vince il ricorso? Al momento, la Lega ha stabilito i tre gironi: il girone A a 20 squadre, i gironi B e C a 18 squadre.

Pubblicità

Ma, se la società calabrese dovesse essere riammessa alla Serie C, allora, rispettando i parametri della divisione dei gironi, dovrebbe essere riammessa al girone C. Infatti, la divisione dei gironi è territoriale: nel girone A confluiscono tutti i club del Centro- Nord Ovest, nel girone B tutti i club del Centro- Nord Est e nel girone C tutte le società meridionali, come appunto il Rende. A questo punto, se il Rende vincesse il ricorso, si potrebbe andare ad un girone C a 19 squadre e così composto: Akragas, Bisceglie, Casertana, Catania, Catanzaro, Cosenza, Fidelis Andria, Juve Stabia, Lecce, Matera, Monopoli, Paganese, Racing Fondi, Reggina, Rende, Sicula Leonzio, Siracusa, Trapani e Virtus Francavilla. Ovviamente, se si passasse ad un girone a 19 squadre, ci sarebbe il turno di riposo sia all'andata che al ritorno per tutte le squadre del girone. E' chiaro che per ora si tratta soltanto di un ricorso e non c'è assolutamente nulla di certo, né in un senso né nell'altro.

Serie C: tante notizie di calciomercato

Intanto, prosegue il #Calciomercato in Serie C.

Pubblicità

Il colpo di giornata, anche se ancora non ufficializzato, ha la firma del Lecce. Il direttore sportivo Mauro Meluso, coadiuvato dalla dirigenza giallorossa, è riuscito a portare a casa un calciatore di livello e molto importante per la categoria: il regista Armellino dal Matera. Il Lecce cercava un regista da tempo, ma dopo gli approcci con i vari Ledesma, Gucher e Taugourdeau, ha puntato con concretezza su Armellino ed è riuscito nel colpo. L'affare non è stato ancora ufficializzato, ma si tratta di una trattativa ai dettagli. Il Renate ha comunicato di aver acquisito a titolo definitivo dal Torino il diritto alle prestazioni sportive dell'attaccante Reno Mauro Piscopo. La Juve Stabia ha concluso l'acquisto per l’acquisizione del diritto a ricevere le prestazioni sportive del difensore sinistro, nativo del Gambia, Omar Gaye. La Virtus Francavilla, reduce dalla sconfitta per 5-0 in Coppa Italia sul campo del Palermo, ha ceduto Nzola al Carpi. L'attaccante segue l'allenatore che lo ha lanciato: Antonio Calabro. La Reggiana ha comunicato di avere acquisito il diritto alle prestazioni sportive del difensore Alessandro Bastrini.