La Cina, come nella maggior parte delle cose, è il primo Paese al mondo per consumo di vino rosso; lo scorso anno sono stati acquistati 1.865 miliardi di bottiglie. A seguire si trova la Francia con 1,8 miliardi e l'Italia, ben 1,6. In Cina la crescita del consumo è aumentata del 136% dal 2008 ad oggi, e secondo le proiezioni ci sarà un ulteriore aumento del 33,8%. per quanto riguarda le etichette di lusso i cinesi si orientano verso l'Occidente (Francia, Italia, Stati Uniti), invece, per la maggior parte del vino rosso consumato, ben l'80% viene prodotto in loco. 

  • Salute: un bicchiere di vino rosso ogni tanto aiuta a mantenere un seno tonico e in forma.
  • Cure: molte dive di Hollywood usano il vino per curare la propria pelle e il corpo e anche la propria bellezza. Jennifer Lopez preferisce il vino bianco rispetto all'uva per star bene: "Più dell'uva, trovo che a far bene sia il vino, meglio se bianco. E naturalmente italiano. Anzi, toscano. Una vasca di buon vino bianco toscano è un toccasana per restare giovani e belle". Va pazza di bagni col vino anche Julia Roberts, che usa immergersi nel vino bianco profumato, lo adora.
  • Antichità: ai tempi dell'Impero Romano, i ricchi versavano del vino nelle vasche dei pesci per rendere più saporite le carni, facendoli morire però ubriachi. Inoltre, il vino degli antichi era più denso. Per renderlo buono lo si allungava con acqua, miele e spezie. 
  • Poeti e vino: per Leopardi il vino aiutava l'uomo a ridere. Manzoni, ne I Promessi Sposi così descrive i gentiluomini: "Coloro che bevono vino senza criticarlo, che pagano il conto senza tirare, che se hanno una coltellata da consegnare vanno a farlo lontano dall'osteria". D'Annunzio, rispose alla provocazione di Pascoli che lo aveva rimproverato dei "troppi peccati mondani" in questo modo: "Preferisco rischiare l'osso del collo durante una caccia alla volpe piuttosto che passare le serate davanti a un fiasco di vino". Mentre Hemingway teneva la bottiglia di Valpolicella sul comodino e scrisse una filastrocca sul vino: "L'uomo è amico del fuoco. Il fuoco è amico dell'uomo. L'uomo è amico del cane. Il cane è amico dell'uomo. L'uomo è amico del vino. Il vino non è amico dell'uomo".

L'asse Italia-Cina per il vino è attuale, infatti, per l'edizione dell'Expo di Milano si è organizzato un corso di vini italiani per cinesi. L'Italia, così, punta a rafforzare la presenza dei propri vini nel mercato cinese.

Pubblicità
Pubblicità

In quest'ottica il Comitato Grandi Cru d'Italia (i 100 migliori produttori della penisola) ha organizzato il primo corso organico per professionisti cinesi a cui insegnare tutti i segreti del vino italiano in modo che possano formare altri professionisti in patria. #cura del corpo #alimenti e bevande