Non si placa la discussione politica sulle #Pensioni anticipate e sulla riforma per i lavoratori #precoci o chi vuole uscire con quota 41 dal mondo del lavoro. Dopo le parole di Berlusconi dei giorni scorsi, ecco che scende in campo anche la Lega, direttamente con il suo leader Matteo Salvini, per rilanciare una riforma delle pensioni che preveda l'abolizione dell'attuale Legge Fornero. Già in passato il partito del Carroccio aveva lottato, raccogliendo nel 2015 500mila firma per abolire la Fornero, ma il referendum abrogativo fu dichiarato inammissibile dai giudici della Corte Costituzionale. Vediamo le ultime novità di oggi, con le parole rilasciate da Salvini durante la trasmissione DiMartedì su La7.

Pubblicità
Pubblicità

Ultime novità Pensione anticipata: Salvini contro Cazzola

Durante la trasmissione di ieri sera DiMartedì su La7 si è parlato anche di pensioni anticipate e di come riformare il sistema italiano. Tra gli ospiti, oltre al leader della Lega era presente anche l'economista Cazzola che ha spiegato che il sistema pensionistico attuale "è rimasto indietro, è rivolto ancora a un lavoratore stabile, quando oggi il mondo del lavoro è cambiato". Salvini ha risposto a queste parole ribadendo che "sta per compiere 6 anni quell'infamia che si chiama legge Fornero, un paese che manda in pensione a 67 anni i suoi poliziotti, i suoi insegnanti, i suoi muratori, non è un paese serio." Lo scontro è poi continuato con Cazzola che ha risposto che Salvini fa chiacchiere da Bar e che Salvini imbroglia gli Italiani con le sue parole senza guardare i dati reali, spiegando che i dati INPS del 2016 rivelano che la maggioranza va in pensione con la pensione di anzianità con una media di 60,5 anni per uscire dal mondo del lavoro.

Pubblicità

Pensioni anticipate 2017, la Lega rilancia quota 100 e quota 40 per i precoci

Per la Lega quindi la soluzione resta quella già proposta in passato, la ormai famosa quota 100 che prevede l'uscita dei lavoratori con 60 anni di età anagrafica e 40 di contributi versati. Per non penalizzare i lavoratori precoci però, la Lega propone anche la pensione a 40 anni di contributi indipendentemente dall'età anagrafica e senza penalizzazioni sull'assegno pensionistico. Ovviamente la proposta è ottima per tutti, ma sinceramente sembra pura utopia, o probabilmente campagna elettorale, visto che già sembra impossibile riuscire a realizzare la quota 41 per tutti a causa della solita mancanza di coperture finanziarie. Voi cosa ne pensate di queste proposte? Fatecelo sapere e se volete restare aggiornati sulle #pensioni anticipate, cliccate segui in alto!