Pubblicità
Pubblicità

Torniamo ad aggiornare le lettrici della nostra rubrica "#Parola ai comitati" e della pagina Facebook "Riforma #Pensioni e lavoro" con un nuovo aggiornamento in arrivo dal #Comitato opzione donna social sul comparto previdenziale [VIDEO]. "Il punto per questa settimana lo faranno per me alcuni Highlight, perché devo comunicarvi che è oramai diventato insopportabile per tutti sia per chi governa sia per chi partecipa, che fakes, trolls ma anche membri “normali” si permettano costantemente di infangare, denigrare il mio buon nome e l’operato del CODS" spiega Armiliato, evidenziano innanzitutto che alcuni "si permettono di offendere e criticare le scelte di vita delle altre donne iscritte al gruppo".

Pubblicità

La fondatrice del Comitato spiega quindi che "sono una dei pochissimi, se non la sola, che porta alla ribalta sempre notizie certe e certificate, che non illude nessuno ma che piuttosto esorta all’oggettività, che spinge al ragionamento, che non è mai contro a prescindere ma che non si beve tutto a prescindere, che non è opportunisticamente ondivaga e che rispetta le scelte di tutti", mentre gli episodi spiacevoli si sono verificati "quando ho deciso che NON avrei seguito il loro andare a sbattere contro un muro, impegnandomi a sostenere una misura che non avrebbe mai più potuto vedere la luce, per logica, per calcolo e per senso, ovvero la Proroga dell'istituto dell'Opzione Donna".

Dal Comitato Opzione Donna Social no a intolleranza e opportunismo

Stante la situazione, Armiliato ricorda perciò i valori fondanti del Comitato: "in poche parole sono solo una persona semplice, seria e generosa, valori evidentemente sepolti sotto le cattiverie, l’invidia, l’opportunismo ma anche sotto un certo tipo di esasperazione che è stata pesantemente fomentata da alcuni elementi che si sono introdotti nelle istituzioni sprezzanti di tutto, incominciando con parolacce a porre lo start di una deriva culturale che incita l’URLO, L’INTOLLERANZA, E CERCA LA MALAFEDE OVUNQUE ED IN CHIUNQUE.

Pubblicità

È questo un ragionamento politico? Sì, forse sì, ma in ogni caso avreste incominciato a lapidarmi ugualmente se avessi detto cosa penso di quello che ha detto l'On Baruffi a proposito del cumulo contributivo per poter esercitare Opzione Donna [VIDEO] (ovvero avrei detto che non arrivare ad ottenerlo sarebbe davvero un ulteriore discrimine a danno delle donne, una misura ingiusta, non equa e quindi inaccettabile) o per aver sottolineato quanto dichiarato dal Presidente Damiano ieri ospite de LA7, (ovvero avrei detto che ha chiarito ancora una volta che non ci sarà una Proroga ma forse, può darsi, chissà, eventualmente, ma non è detto, solo una mini estensione della misura qualora si rendessero disponibili risparmi e se si vorranno impegnare per quello dato che NON corre alcun obbligo, come si evince dal dettato della legge vigente)".

Pensioni flessibili e donne, il riferimento all'attività sindacale ed alla mobilitazione del 14/10

"Sottolineo, altresì, l'impegno delle OO.SS. circa la controproposta trasmessa al Governo ed articolata in 11 punti, dove troviamo confermato l'impegno circa quello che è il nostro obiettivo, ovvero "superamento della disparità di genere delle donne e la valorizzazione del lavoro di cura"e che abbiamo il dovere di sostenere proprio perché siamo Donne e dunque TUTTE coinvolte, partecipando alle manifestazioni territoriali programmate unitariamente da CGIL CISL UIL per il prossimo 14 Ottobre.

Pubblicità

Traguardare questo importantissimo punto" conclude la fondatrice del CODS, "sarebbe davvero un primo reale significativo passo verso la valorizzazione del nostro costante e continuo impegno quali pilastro, anzi muro maestro, di questo nostro complesso Paese. Un sorriso ...nonostante tutto, avanti e sempre W le donne che quelle splendide sono davvero tante e il CODS le annovera fra le sue iscritte".

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione dei lettori nel caso desiderino aggiungere un nuovo commento nel sito. Mentre per ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni [VIDEO] ricordiamo di utilizzare la funzione "segui" disponibile in alto, vicino al titolo dell'articolo.