L’#America Latina è una regione in crescita economica. Ormai non solo quella del Brasile è considerata un’economia emergente. Il Pil della Colombia, Messico, Cile e Perù sono in positivo e questo fenomeno, sommato a quella della stabilità politica, ha attirato l’attenzione internazionale. Per questo motivo il premier italiano Matteo Renzi è impegnato in un tour nella regione. Dal 23 al 29 ottobre visiterà Cile Perù, Colombia e Cuba. Da quanto si legge sul sito di Palazzo Chigi, l’agenda del presidente del Consiglio prevede incontri bilaterali con Capi di Stato e di governo, interventi nelle principali università e incontri con le comunità imprenditoriali.

Pubblicità
Pubblicità

Legami istituzionali

I legami tra il governo italiano e i capi di Stati latinoamericani non è recente. A giugno Renzi ha ricevuto a Milano il presidente della Bolivia, Evo Morales, il presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, e il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos. A radunare tutti i presidente è stata la VII conferenza Italia-America latina.

Modello imprenditoriale

Il sottosegretario del ministero degli Affari #Esteri, Mario Giro, ha detto che i rapporti tra Italia e il continente latinoamericano attraversano un buon momento. Per l’Italia, la regione è in forte espansione, il che rappresenta una buona opportunità per le aziende, sia per quelle italiane, che possono investire nelle economie emergenti, che quelle latinoamericane, che possono prendere come modello le piccole e medie imprese italiane.

Pubblicità

L’Anno Italia-America latina

A Milano si era inaugurato l’Anno dell’Italia in America Latina per il periodo 2015-2016. L’obiettivo? Stimolare l’integrazione tra i Paesi e moltiplicare la presenza italiana nel continente. Il progetto cerca stimolare le dinamiche di interscambio in molti ambiti, per fare sì che possano allargarsi le prospettive di futuro, d’accordo alle spiegazioni pubblicate sul sito ufficiale.

Il programma

Il programma è ricco di manifestazioni per costruire nuovi ponti tra i Paesi latinoamericani e l’Italia. L’organizzazione è divisa in 10 sezioni con più di 100 eventi su tematiche culturali, economiche, scientifiche e tecnologiche. Si tratta di un “cantiere aperto” per dare spazio alle più varie iniziative imprenditoriali e non solo, secondo la spiegazione dei promotori.

I protagonisti

Oltre alle istituzioni governative, ci sono molti altri i soggetti coinvolti nell’iniziativa: per esempio l’Associazione delle industrie cinematografiche e musicali, il Consiglio Nazionale delle Ricerche alle aziende alimentari e dell’energia; oltre ai Comune e le Regioni.

Pubblicità

Soluzioni mondiali

Secondo l’Italia, insieme ai Paesi latinoamericani sarà possibile fornire risposte originali a problemi che hanno un carattere globale. Per i promotori dell’Anno Italia – America latina, le relazioni tra l’America latina e l’Italia non devono però limitarsi all’aspetto istituzionale, ma devono anche coinvolgere le diverse società. America latina e Italia sono da sempre legate; la cultura e gli interessi hanno contribuito in molti momenti storici a farli camminare sulla stessa strada verso la crescita. #Matteo Renzi