Il mondo sta cambiando, anzi non ha mai smesso di farlo, e noi, l'umanità tutta, al centro di questo turbinio cosmico che ha pesi e misure lontane dalla nostra piccolezza. Eppure, c'è un dato (per nulla positivo) che dimostra come le attività umane hanno un grande peso sul pianeta Terra, e il loro effetto va ad intaccare gli equilibri naturali. Per la prima volta nella storia, l'umanità assiste all'estinzione di una specie animale.

Si tratta del melomys rubicola, unroditore che vive su di una piccola isola corallina nello Stretto di Torres, tra l'Australia e la Nuova Guinea. La notizia è stata diramata dall'Università del Queensland, a sud ovest del distretto finanziario di Brisbane. Il team di scienziati ha affermato come l'habitat del mammifero sia stato progressivamente ridotto fino alla completa sparizione dall'innalzamento del livello del mare.

Il piccolo roditore viveva su una piccola isola di coralli di 340 metri di lunghezza e 150 metri di larghezza, chiamata Bramble Cay. Gli ultimi avvistamenti risalgono al 2009, da un pescatore che visitava l'isola annualmente.

Quali conseguenze per la Terra?

Lo scienziato Luke Leung dell'Università del Queensland ha spiegato in una nota ufficiale diramata dalla stessa Università: "Bramble Cay è stata visitata da agosto a settembre 2014 con l'obiettivo di stabilire se il melomys persisteva sull'isola e per mettere in atto misure di emergenza per conservare tutti gli individui rimanenti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ambiente

L'indagine condotta non ha prodotto nessun avvistamento della specie, a conferma che l'unica popolazione conosciuta di questo roditore è ormai estinta". Secondo gli ultimi dati raccolti e pubblicati dall'Agenzia americana per la protezione dell'Ambiente (Epa), dal 1993 il livello dei mari sta aumentando dai 0,28 ai 0,35 centimetri l'anno, segnando una velocità doppia rispetto al trend registrato nel lungo periodo.

Per capirci, tra l'inizio del Novecento e il Duemila si parla di 20 centimetri di media. Il nostro pianeta è in pericolo e ognuno di noi può fare la sua parte, a partire da casa nostra. Le parole d'ordine: risparmio, rinnovabile, riconoscenza (verso il pianeta). Non siamo conquistadores ma abitanti di questo universo e la Terra è casa nostra.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto