Ambiente

Ambiente: educazione ambientale, rispetto della natura, storie e problemi del nostro Pianeta e come poterlo salvare

Inquinamento, emergenza climatica, riscaldamento globale: la partita principale del futuro della Terra si giocherà anche e soprattutto con un occhio all'ambiente, alle energie rinnovabili, alle ingiustizie climatiche e alla salute del nostro Pianeta. Questo perché, secondo diversi studiosi, siamo vicini ad un "punto di non ritorno" e le soluzioni che possono essere individuali o collettive, richiedono un'indiscutibile urgenza. Si intende dunque per "soluzione" l'insieme di quelle politiche attente e responsabili che rendano la Terra vivibile per tutti e limiti contestualmente i danni irreparabili causati dall'intensificazione più scorretta delle attività umane.

In questo canale verranno trattati i vari temi legati all'ambiente, dalle politiche ecosostenibili fino ai danni dell'emergenza climatica, cercando anche di dare suggerimenti concreti e abitudini di vita corrette per conservare l'ambiente che ci circonda.

1.Inquinamento, alimentazione o cultura, quale sarà la grande sfida?

Il canale ambiente di Blasting News si impegna a fornire ai propri lettori articoli indipendenti e completi sulla grande sfida del nuovo millennio. Si tratteranno in questa sezione argomenti, forse scomodi, ma che ormai siamo arrivati al punto di non poter ignorare.

Ridurre l'inquinamento attraverso leggi e azioni mirate è il punto focale delle azioni di governo. Assicurare un'alimentazione sana alla popolazione attraverso la diffusione della cultura delle buone pratiche è altrettanto difficile. Non solo inquinamento e ambiente sono i pilastri di questa sezione bensì tutto ciò che ne è correlato. Turismo a basso impatto, diffusione dell'utilizzo delle energie alternative, le nuove scoperte scientifiche in merito alla mobilità sostenibile e alla bio-edilizia.

2.Cos'è il "Cambiamento climatico"?

Con cambiamento climatico si intende la variazione del clima della Terra negli anni. Secondo alcuni esperti, in questo periodo storico, sarebbe più giusto parlare di "emergenza climatica" viste le ripercussioni delle variazioni sulla vita del Pianeta. Dal 1880 ad oggi, nel Mondo, la temperatura media è salita di 1,2 gradi. In alcune zone - come ad esempio nell'Artico - l'incremento si è attestato sui 2,2 gradi. Diversi esperti si sono spesi nel corso degli anni per cercare di fissare le basi per un futuro "eco-responsabile".

La principale causa dell'emergenza è da ricercare nell'industializzazione più spinta e nei cattivi comportamenti umani. Basti pensare che nel corso di migliaia di anni i cambiamenti di temperatura sono stati determinati della variazioni dell'orbita intorno al sole mentre dall'inizio del XX secolo i cambiamenti che normalmente sarebbero accaduti in centinaia di migliaia di anni si sono manifestati nel giro di pochi decenni. Uno studio della rivsta Science del 2013 sottolineava come nell'ultimo secolo la Terra si fosse riscaldata più velocemente rispetto a quanto accaduto in qualunque momento dalla fine dell'ultima era glaciale ad oggi.

Una delle cause principali è quindi l'intensificazione della produzione di anidride carbonica e di altri gas presenti nell'atmosfera che contribuiscono all'effetto serra. Fenomeno che di per sé ha permesso la vita sulla Terra ma che nella sua esasperazione - dovuta alle emissioni di gas serra prodotte dalle attività dell'uomo - costituisce uno dei pericoli principali per il pianeta e una delle cause fondanti del riscaldamento globale.

3.Quanto influisce l'Innalzamento delle acque e lo scioglimento dei ghiacciai?

Tra le conseguenze dell'aumento delle temperature c'è l'innalzamento dei mari e lo scioglimento dei ghiacciai. Secondo Zack Labe, specialista in climatologia artica della Colorado State University, l'Artico è la cartina tornasole per capire a che punto sono i danni irreversibili del riscaldamento globale. Secondo Labe: "Se riduciamo le emissioni di gas serra usando politiche basate sulle evidenze raccolte, possiamo davvero evitare gli scenari peggiori dell'Artico". L'innalzamento delle acque - che tra il 1900 e il 2019 è salito di 19 centimetri - costituisce un problema logico soprattutto per le zone abitate costiere e le piccole isole oceaniche, problema che si ripercuoterà anche nel mar Mediterraneo e quindi sulle coste dei Paesi del sud dell'europa.

4.Cosa sono i "Fridays for Future"?

Contro l'emergenza climatica si sono svolte diverse manifestazioni. Il problema è molto sentito dai più giovani che dal 2018 - grazie soprattutto a Greta Thunberg, attivista svedese all'epoca quindicenne - hanno iniziato a riunirisi per sensibilizzare sul tema e richiedere interventi volti a eliminare le "ingiustizie climatiche". Fridays for Future (letteralmente venerdì per il futuro) è un movimento ambientalista internazionale ispirato dalla giovane attivista svedese che proprio nel 2018 ha organizzato la sua personale azione di protesta, sedendosi fuori il parlamento svedese con un cartello sul quale c'era scritto "sciopero scolastico per il clima". Thunberg è stata fonte di ispirazione per i più giovani di tutto il mondo e in seguito alle sue azioni sono partite proteste in tutti gli angoli del pianeta. Secondo recenti stime tra il 20 settembre del 2019 e il 27 dello stesso mese (la Climate Action Week) sono stati oltre sette milioni i giovani scesi in piazza per protestare contro le mancate azioni volte a risolvere il problema.

5.Cosa sono gli "Accordi di Parigi"?

Nel 2015 gli Stati membri della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) hanno stretto un accordo per ridurre le emissioni inquinanti in tutto il mondo. I punti dell'accordo sono riassumibili in quattro macrotemi:

  • Raggiungere la neutralità carbonica. Ovvero smettere di produrre più gas serra di quanto si riesca a rimuovere.
  • Contenere l'aumento di temperatura e cercare di renderlo inferiore a 1,5 gradi.
  • Aggiornamenti costanti con nuove Conferenze ogni 5 anni.
  • Versare ogni anno cifre vicine ai 100 miliardi di dolleri per i paesi più poveri incentivando l'investimento di fonti di energia meno inquinanti.

Nel rispetto di questi accordi molti paesi e aziende puntano al raggiungimento della politica di "emissioni zero" da oggi fino al 2050.

6.Cos'è l'ecosostenibilità?

Le soluzioni sono legate all'ecosostenibilità e allo "sviluppo sostenibile", ovvero un quadro di proposte e programmi che punti all'utilizzo di energie rinnovabili e di numerose altre iniziative per cercare di diminuire o annullare completamente l'impatto ambientale nella creazione di qualunque genere di prodotto. Dall'energia stessa fino agli alimenti. In primis si punta alla cosiddetta transizione ecologica, ovvero il passaggio dall'utilizzo di produzione non rinnovabili a energie rinnovabili disponibili in natura, considerate più efficienti e meno inquinanti. Un processo che mira a modificare sia l'impatto sull'ambiente che la filiera produttiva.

Chi segue il Canale Ambiente?

Daniele Marangotto Lucretia Duse Troiani Vittorio Silvio Palanca Francesca Riselli Loveanimals Giuseppe Castronovo Mattia Gaglio
author-avatar

Nico Bastone

author-avatar

Anna Giornale

author-avatar

Michele Sgamma

author-avatar

Giuseppe Castronovo

author-avatar

Mattia Gaglio

author-avatar

Giuseppina Maria Rosaria Sgrò

author-avatar

Laura Daveggia

author-avatar

Nicola Autizi

author-avatar

Mattia Gaglio

author-avatar

Gianni Zandoli

author-avatar

Simona Laboccetta

author-avatar

Michele Sgamma

author-avatar

Michele Sgamma

author-avatar

Luana La Camera

author-avatar

Simona Laboccetta

author-avatar

Michele Sgamma

author-avatar

Luana La Camera

author-avatar

Luana La Camera

author-avatar

Simona Laboccetta

author-avatar

Simona Laboccetta

author-avatar

Luana La Camera

author-avatar

Luciano Mondello

author-avatar

Luana La Camera

author-avatar

Luana La Camera

author-avatar

Simona Laboccetta

author-avatar

Daniele Cultrona

author-avatar

Simona Laboccetta

author-avatar

Erik Desio

author-avatar

Michele Sgamma

author-avatar

Luana La Camera

author-avatar

Michele Sgamma

author-avatar

Davide Stocovaz

author-avatar

Luana La Camera

author-avatar

Davide Stocovaz

author-avatar

Davide Stocovaz

Questo Canale è curato dal nostro esperto
Massimiliano Mattiello was born in Naples in 1991 and he lives in Rome since 2009. He is a contributing content manager for Blasting News. Massimiliano earned a master's degree in journalism from "Giorgio Bocca" school of journalism in Turin and he worked for HuffPost, TPI and AGI.
Suggerisci una correzione