Ad eccezione di sporadici episodi localizzati per lo più nel Centro-Nord, in Italia non è ancora arrivato il vero inverno: sono state molte, infatti, le giornate mitigate che hanno caratterizzato questi due mesi soprattutto al Sud. Ben presto però la situazione meteorologica tenderà a cambiare ed anche in maniera piuttosto drastica, portando nel nostro Paese fenomeni a carattere nevoso. Tutto ciò sarà accompagnato dal calo delle temperature e dal tempo instabile, che coinvolgeranno tutta la penisola. Vediamo dunque cosa anticipano le previsioni #meteo per i prossimi giorni.

Neve in Italia: bollettini meteo dal 12 al 15 febbraio

A partire da questa settimana si assisterà ad un graduale cambiamento climatico che porterà l'Italia ad affrontare una nuova ondata di freddo.

Secondo i bollettini meteo, giungerà sulla nostra penisola una saccatura atlantica, la quale porterà con sé freddo e precipitazioni: la massa di aria fredda colpirà in primo luogo le regioni settentrionali, dove si verificheranno alcuni rovesci già nel corso della notte di lunedì 12 febbraio. Nello specifico il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione Veneto ha raccomandato di prestare particolare attenzione [VIDEO] alla #neve che cadrà da mezzanotte fino alle ore 8 di mattina di martedì 13 febbraio. In questi giorni dunque il clima sarà particolarmente teso soprattutto al Nord, con piogge e neve a 200-300 metri che si riverseranno nel Triveneto, in Emilia Romagna e in Lombardia. Gradatamente la saccatura tenderà poi a spostarsi verso le regioni del Centro Italia nel corso delle prossime ore.

Visto il drastico abbassamento delle temperature, le cui massime non supereranno i 6°C, la quota neve tenderà ad abbassarsi notevolmente. Sarà dunque particolarmente attesa nella pianura pre-alpina, ma anche nelle Marche e sull'Appennino, dove basterà raggiungere i 700-1500 metri sopra il livello del mare per apprezzare gli scenari tipicamente invernali. Leggermente più elevata, dai 1000 ai 1500 metri, sarà invece la quota neve per le regioni del Meridione.

Meteo dal 20 al 26 febbraio: arriva il freddo dalla Russia

Secondo quanto descritto dalle #Previsioni meteo, le condizioni generate dalla saccatura atlantica saranno presto mitigate grazie all'azione dell'anticiclone, ma tale periodo di stabilità meteorologica sarà piuttosto breve. In effetti l'Italia sarà nuovamente inondata da una massa di aria fredda, questa volta proveniente dalla Russia, che farà nuovamente abbassare le temperature. L'arrivo è atteso per la fine del mese di febbraio e, più precisamente, dal 20 al 26. Contrariamente a quanto accadrà nelle prossime ore, le aree ad essere colpite per prime potrebbero essere quelle del versante Adriatico, dato che il freddo russo giungerà dell'Est Europa.

Anche in questo caso le previsioni meteo descrivono un abbassamento delle temperature che porterà fenomeni di carattere nevoso anche a bassa quota. Essendo però bollettini rivolti al medio e lungo periodo, non si ha ancora la certezza che tutto ciò possa effettivamente accadere: le variabili che potrebbero influenzare tale massa di aria depressionaria [VIDEO] sono molte e potrebbero col tempo scongiurarne l'arrivo o addirittura anticiparlo. Quel che è certo è che per il momento l'inizio della primavera è ancora un miraggio lontano, per il quale bisognerà attendere almeno la metà di marzo.