Com'è stato più volte diffuso dai media durante quest'ultimo periodo, l'estate 2019 è sicuramente la più calda degli ultimi 200 anni, battendo anche la storica torrida estate del 2003, che in moltissimi ricorderanno. Dopo un break dal caldo record e soffocante dell'ultima settimana di giugno e la prima di luglio, il sole è tornato a bruciare a temperature elevatissime sulla nostra bella penisola.

Già dall'inizio di questa settimana, in tutta Italia, abbiamo potuto constatare un nuovo aumento importante delle temperature, specie nei capoluoghi di provincia, solitamente i più caldi a causa di variabili come lo smog (che crea una cappa di calore ulteriore rispetto a città e paesi meno industrializzati), asfalto e maggior concentrazione di gente; e a metà settimana i termometri continueranno a schizzare e l'aria si farà ancora più rovente.

Piemonte, Lombardia, Alto Adige, Veneto, Emilia Romagna le regioni più roventi del Nord Italia

Questa nuova ondata di calore di origine africana si sta abbattendo principalmente sul Nord Italia, con attenzione anche al Centro e in Sardegna. In Piemonte si segnalano temperature sui 39/40 gradi in città come Asti, Alessandria, Vercelli e Novara, mentre in Lombardia le città più calde e afose saranno Milano e Pavia. Nell'Emilia Romagna l'allerta caldo sarà rivolta principalmente alle province di Reggio Emilia e Bologna. In Veneto, le province più calde saranno quelle di Verona e Padova, e anche a Bolzano, in Alto Adige, si boccheggerà.

Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna le più calde al Centro Italia e isole

Passando al Centro Italia, si verificheranno aumenti sostanziali di temperatura in Toscana, principalmente nelle zone di Firenze, Pistoia e Prato, dove si toccheranno picchi di 40 gradi. Anche in Umbria, nella provincia di Terni, il caldo si farà sentire allo stesso livello.

Leggermente meno caldo, ma si parla comunque sempre di punte di 36/37 gradi, anche nella provincia di Roma, specie nella Capitale.

Caldo torrido anche in Sardegna, dove però in molti potranno consolarsi recandosi verso le spiagge lungo tutta la regione. Un caldo snervante, affaticante, che non ci lascerà neanche nelle ore notturne, dove le colonnine di mercurio rimarranno sempre altissime, attorno ai 29/30 gradi.

Weekend 27-28 luglio 2019: in arrivo il fresco

Per quanto l'estate sia molto amata e attesa da tutti, si sa "il troppo stroppia" e il caldo eccessivo non fa piacere a nessuno. Indebolisce, ci appiccica letteralmente ai nostri vestiti e, nelle regioni più afose, si percepisce davvero quasi in modo invivibile. Ma c'è una notizia positiva: è in arrivo una perturbazione nord atlantica che, per il weekend di sabato 27 e domenica 28 Luglio, porterà temporali sparsi in tutta Italia, specialmente nelle zone più colpite dal caldo di questi giorni.

Segui la pagina Ambiente
Segui
Segui la pagina Previsioni Meteo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!