Dieci anni circa sono il tempo che ci resta per evitare che il pianeta diventi un luogo inabitabile per l'umanità. I dati della NASA mostrano che il decennio 2010-2019 è stato il più caldo mai registrato. Nel 2020 abbiamo assistito a temperature crescenti, incendi, ondate di calore marine, tempeste mortali e massicci scioglimenti dei ghiacciai. Pertanto, il nostro pianeta chiede aiuto e noi dobbiamo ascoltarlo e agire per aiutarlo. Da Hindou Oumarou Ibrahim - attivista per il cambiamento climatico e direttore dell'Associazione delle donne Fulani e dei popoli indigeni del Ciad (AFPAT) - a Jeroom Remmers - direttore della nonprofit True Animal Protein Price Coalition (Tapp Coalition) con sede nei Paesi Bassi - quattro attivisti per il clima ritraggono il futuro del nostro pianeta e ci raccontano come possiamo cambiare questa situazione attraverso una serie di interviste esclusive.

Questa è la serie BlastingTalks sul cambiamento climatico.

Hindou Oumarou Ibrahim: "Dobbiamo combattere l'ingiustizia climatica"

"Abbiamo 10 anni per agire", dice Hindou Oumarou Ibrahim, attivista per il cambiamento climatico e direttrice dell'Associazione delle donne Fulani e dei popoli indigeni del Ciad (AFPAT), quando ci viene chiesto quanto tempo ci resta per salvare il pianeta. La sua lotta? Dimostrare alle grandi potenze che la conoscenza dei popoli indigeni può fermare il cambiamento climatico in tutto il mondo.

Originaria della comunità pastorale seminomade Fulani Mbororo, Oumarou Ibrahim racconta a Blasting News come la sua comunità sia stata colpita economicamente e socialmente dalla crisi ecologica, condividendo le soluzioni per combattere quella che definisce "un'ingiustizia climatica", perché "questo è il nostro futuro e non possiamo lasciarcelo sfuggire".

Carlos Nobre: "In Amazzonia non siamo lontani dal raggiungere un punto di non ritorno"

Ricercatore senior presso l'Istituto di Studi Avanzati dell'Università di San Paolo (IEA/USP) e uno dei maggiori esperti mondiali di cambiamenti climatici, il climatologo Carlos Nobre ha formulato all'inizio degli anni Novanta l'ipotesi della savannizzazione dell'Amazzonia come conseguenza della deforestazione.

Oggi, quasi 30 anni dopo, lancia un nuovo avvertimento: "I nostri calcoli indicano che tra 15-30 anni, se continuiamo con questi tassi di deforestazione in Amazzonia, e non solo in Brasile, avremo già raggiunto un punto di non ritorno, in cui la savanizzazione diventa irreversibile". Tra gli autori del rapporto dell'IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) premiato con il Nobel per la pace nel 2007, il climatologo brasiliano sostiene anche che i consumatori abbiano la loro parte di responsabilità in materia e dovrebbero "tradurre il desiderio di proteggere l'Amazzonia in azioni concrete", come il consumo responsabile e sostenibile. "Se ogni brasiliano chiedesse un certificato di origine della carne, la deforestazione in Amazzonia si ridurrebbe notevolmente".

Jeroom Remmers: "Il prezzo della carne dovrebbe includere i costi del suo impatto ambientale"

Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO), la produzione di carne e latticini è responsabile del 14,5% delle emissioni globali di gas serra, la stessa quantità del settore dei trasporti, spesso considerato uno dei principali responsabili del cambiamento climatico e del riscaldamento globale. Secondo la Yale School of Forestry & Environmental Studies, l'allevamento di bestiame è anche il principale fattore di deforestazione dell'Amazzonia e ne rappresenta circa l'80%.

In un'intervista a BlastingTalks, Jeroom Remmers, direttore della Tapp Coalition, afferma che il prezzo che i consumatori pagano per i prodotti animali dovrebbe includere i suoi "costi ambientali esterni". Oltre a ridurre il consumo generale di proteine animali, il progetto propone tre modi per applicare le entrate derivanti dalle nuove tasse.

"Il primo è pagare gli agricoltori. La seconda è la riduzione dei prezzi di frutta e verdura. E la terza è la compensazione dei gruppi a basso reddito".

Svein Tveitdal sul cambiamento climatico: "I politici devono stabilire delle regole per risolvere il problema"

"Se avessimo ascoltato gli scienziati 30 anni fa, non avremmo avuto un problema così rilevante quanto quello attuale", dice Svein Tveitdal, l'ex direttore di divisione del Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) e attuale direttore della società di consulenza sui cambiamenti climatici Klima2020, quando gli è stato chiesto quanto tempo ci è rimasto per combattere i cambiamenti climatici.

Tveitdal ha fondato Klima2020 per fare consulenza alle aziende e autorità locali che vogliono attuare cambiamenti responsabili dal punto di vista ambientale con l'obiettivo di "colmare il divario tra la scienza del clima, i responsabili politici e il pubblico in generale". In un'intervista esclusiva con Blasting News, Tveitdal ha condiviso le sue riflessioni su come agire in modo efficace e rapido per affrontare il cambiamento climatico. La soluzione di Tveitdal sarebbe quella di ridurre le emissioni del 6-7% l'anno nel prossimo decennio in tutto il mondo. "Se me lo chiedete, non credo che avremo successo", ha detto. Tuttavia, Tveitdal spera che le persone si rendano conto che il nostro pianeta sta affrontando "gravi minacce" e che è loro compito agire ora.

Leggi la serie di teorici dei media.

Leggi la serie EUNOMIA.

Segui la pagina Blasting Talks
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!