L'Inter, che ha battuto il Livorno con il risultato di 2-0 in una gara valida come secondo anticipo della 12ma giornata del campionato di Serie A, allo stadio Meazza di Milano,  non ha giocato una partita brillante, anzi è apparsa sottotono rispetto ad altre prestazioni. Nemmeno la squadra toscana però, ha disputato una partita buona, e non è riuscita mai ad impensierire il portiere lombardo Handanovic che ha fatto più che altro da spettatore in questo match.

Le reti di questa sfida sono state realizzate da  Jonathan, il cui tiro abbastanza innocuo è stato deviato nella rete da un maldestro intervento del portiere livornese Bardi, e da Nagatomo. I toscani molto probabilmente potevano osare qualcosa in più in fase offensiva, ma hanno giocato col freno tirato a mano.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

Questa affermazione consente ai neroazzuri di avvicinarsi momentaneamente a Juventus e Napoli, al terzo posto in classifica a quota 25 punti. Mentre il Livorno resta a quota 12 punti, assieme a Parma, Milan e Torino, che però la loro gara la devono ancora giocare.

Javier Zanetti, capitano dell'Inter, rientrato nella gara contro il Livorno, dopo un lunghissimo stop per un grave infortunio al tendine d'Achille, ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport. Ecco quanto evidenziato: ''Provo una grande emozione perché tornare dopo un infortunio del genere non era facile - ha esordito visibilmente commosso -. Dopo l'operazione dissi che sognavo di giocare almeno una partita davanti ai nostri tifosi e ci sono riuscito. Ringrazio tutti quelli che mi hanno aiutato, dai tifosi ai medici, non voglio dimenticare nessuno. Non potevo chiedere di meglio. Thohir? Il nostro legame con il presidente va oltre, c'è in primis il rapporto umano, merita applausi e anche di più. E' un passaggio importante ma noi dobbiamo rispondere sempre in campo.

I migliori video del giorno

Dobbiamo pensare a lottare per qualcosa di importante, poi la classifica dirà dove arriveremo ma con questo spirito possiamo andare lontano''.

Ecco di seguito il tabellino della gara:

Inter (3-5-1-1): Handanovic; Ranocchia, Rolando, Samuel; Jonathan, Taider (81' Zanetti), Cambiasso, Alvarez (58' Kovacic), Nagatomo; Guarin (71' Belfodil); Palacio. A disposizione: Carrizo, Castellazzi, Andreolli, Mudingayi, Kuzmanovic, Wallace, Puscas, Donkor, Olsen. Allenatore: Mazzarri.



Livorno (3-5-2): Bardi; Valentini, Emerson, Ceccherini; Gemiti (88' Borja), Schiattarella, Luci, Duncan (46' Benassi), Mbaye; Siligardi (65' Emeghara), Paulinho. A disposizione: Anania, Aldegani, Piccini, De Carli, Belingheri, Lambrughi. Allenatore: Nicola.



Arbitro :Peruzzo



Marcatori 30' Bardi (Aut.), 90' (+1) Nagatomo



Ammoniti: Duncan, Paulinho, Ranocchia, Samuel, Rolando