Per l'ottava giornata del girone di andata del campionato di calcio 2014-2015 il match che aprirà il turno è Empoli-Cagliari dalle ore 15 di sabato 25 ottobre del 2014, mentre l'ultimo incontro in calendario è Milan-Fiorentina domenica 26 ottobre del 2014 dalle ore 20,45. Nel mezzo ci sono altre otto partite, e tra queste anche quelle che interessano la Roma e la Juventus entrambe uscite sconfitte al terzo turno della fase a gironi della Champions League 2014-2015. In particolare la Roma giocherà dalle ore 20,45 di sabato 25 ottobre del 2014 a Genova contro la Sampdoria. Per vincere i giallorossi dovranno di certo disputare una grande partita visto che in casa dei blucerchiati c'è grande entusiasmo per un terzo posto in classifica che sta facendo sognare i tifosi.

L'altro anticipo del sabato è Parma-Sassuolo dalle ore 18 del 25 ottobre con le due squadre che si trovano nei bassifondi della classifica. Poi domenica 26 ottobre del 2014, dalle ore 15, c'è Juventus-Palermo, una partita che i bianconeri possono vincere a patto di essere decisamente meno spreconi rispetto a quanto visto contro l'Olympiacos. E' vero che il portiere dei greci Roberto è stato l'uomo partita, ma è altrettanto palese il fatto che gli attaccanti della Juventus, ed in particolare Morata, con maggiore freddezza sotto porta e con tiri più angolati avrebbero di certo portato a casa almeno un pareggio. Le altre due gare delle ore 15 di domenica 26 ottobre del 2014 sono Chievo-Genoa, match caratterizzato dall'esordio in panchina per gli scaligeri del nuovo tecnico Rolando Maran, ed Udinese-Atalanta.

I migliori video del giorno

Poi dalle ore 18 della domenica spazio, per l'ottava di andata del campionato di calcio 2014-2014 di Serie A, ai match Cesena-Inter, Lazio-Torino e Napoli-Hellas Verona. Milan-Fiorentina, posticipo delle ore 20,45 che chiude il turno, rappresenta un match chiave per entrambe le squadre: i rossoneri vincendo potrebbero ritrovarsi al terzo posto così come per i viola è vietato perdere altrimenti inizierebbe già ad essere ampio il divario in classifica rispetto alle posizioni che a fine stagione permettono di accedere alle coppe europee nella stagione successiva.