Sabato scorso all'Emirates Stadium è andata in scena la partita di Coppa d'Inghilterra tra Arsenal e Sunderland valida per il terzo turno di FA Cup. La partita è stata vinta dai padroni di casa per 3 a 1 grazie ai gol di Campbell, Ramsey e Giroud, tra le file degli ospiti a segno Lens.

Ebbene, la maledizione di Ramsey ha colpito ancora, dato che il centrocampista di origini gallesi continua con la sua striscia di decessi celebri legati ai suoi gol. L'ultimo a farne le spese è stato David Bowie, detto il "Duca Bianco": all'età di sessantanove anni ci lascia cosi la star del rock a causa di un tumore che stava cercando di sconfiggere da più di un anno.

Quando segna Ramsey non si salva nessuno, la regola vale per i personaggi famosi a quanto pare, infatti questa striscia iniziata nel 2011 ha segnato diversi decessi importanti.

I decessi famosi legati ai gol di Ramsey

Uno dei primi a 'pagarne' le conseguenze è stato Bin Laden, ma nello stesso anno anche il noto informatico Steve Jobs ci ha lasciati, l'ultimo dell'anno 2011 è stato il militare e politico Gheddafi. La prima ad essere colpito nel 2012 invece è la cantautrice e attrice cinematografica Whitney Houston: l'11 febbraio 2012 il gallese va a segno contro il Sunderland e il giorno successivo viene ritrovata la donna morta per overdose. L'anno 2013 è la volta del dittatore Videla, deceduto sempre dopo circa ventiquattro ore dalla sua rete, questa volta contro il Wigan; l'anno si conclude con una rete al Cardiff e il giorno seguente l'attore e produttore cinematografico statunitense perde la vita in un incidente stradale.

Ricordato da tutti come Brian O'Connern, il personaggio che interpretava nella saga di Fast and Furious. Il 10 agosto 2015 il centrocampista è autore di un gol al Manchester City, l'11 agosto il comico Robin Williams viene trovato morto suicida. Casualità alquanto agghiaccianti che non pesano sulla carriera del calciatore che continua a segnare ogniqualvolta viene schierato in campo.

Speriamo che il gallese possa continuare a mettere la palla in rete e che queste coincidenza non si verifichino più, ma intanto cogliamo l'occasione per l'ultimo saluto alla star del rock.