Come sempre il campionato di Serie B regala Emozioni e spettacolo. La ripresa del campionato dopo la pausa natalizia, ha subito regalato gol d'autore e partite al cardiopalma.

La 22esima giornata sorride al Frosinone

Il Campionato cadetto è ripartito col botto. Una giornata che ha regalato tanti gol, alcuni di pregevole fattura. Un turno favorevole al Frosinone, che vincendo in casa con la Pro Vercelli, ha agguantato in vetta il Palermo di Tedino. Partiamo dai ciociari, che contro la squadra di Atzori hanno regalato gol e spettacolo. Un 4-0 che non concede repliche, un sabato da incorniciare per la squadra di Longo.

Che ritrova i gol di Dionisi e si ritrova un Ciano in versione assist-man. Oltre alla vittoria, da sottolineare la ritrovata solidità difensiva. Un altra squadra che sorride in queste giornata è la Salernitana, che ritrova la vittoria dopo due sconfitte consecutive. La squadra di Colantuono nel primo tempo dilaga portandosi sul 3-0, ma nella ripresa abbassa la tensione e si fa quasi rimontare dalla squadra di Pippo Inzaghi. Alla fine la spuntano i campani per 3-2, ma che sofferenza nel finale. Da sottolineare l'esordio in maglia granata dell'attaccante Simone Palombi, arrivato in prestito dalla Lazio in questa finestra di mercato. La giovane punta ha subito lasciato il segno, realizzando la rete del momentaneo 3 a 0.

Nei lagunari ottimo l'esordio di Firenze, l'esterno offensivo ha griffato il suo esordio realizzando la rete del momentaneo 3 a 1. Il Perugia di Roberto Breda ritrova gol e sorriso, dopo un periodo buio che ha fatto precipitare gli umbri nei bassi fondi della classifica. I tre punti contro la Virtus Entella fanno respirare la squadra umbra, mentre la squadra di Aglietti esce dal Renato Curi con zero punti e una prestazione sottotono.

Con questa vittoria il Perugia sale a quota 27 punti, +4 sulla zona retrocessione. Il Novara ritrova il successo dopo 5 gare e lo fa battendo il Carpi di Calabro. Una vittoria d'oro, conquistata grazie alla rete del centrocampista Moscati nella prima frazione di gioco. Per il Carpi un passo indietro, dopo tre risultati utili consecutivi.

Il Novara respira e sale a quota 27 punti, mentre il Carpi resta a quota 29. Il Pescara di Zeman vince a Foggia e aggancia l'ottava posizione. Decisivo il gol di Mancuso allo scadere del primo tempo, che regala una vittoria che vale oro agli abruzzesi. Per il Foggia continua il periodo nero in casa, dove nelle ultime 7 gare ne ha perse addirittura 5. Una tendenza da invertire e in fretta, vista la classifica deficitaria degli uomini di Giovanni Stroppa. Per il Pescara è il quarto risultato utile consecutivo, un ruolino di marcia niente male. L'Empoli risale al terzo posto, dopo il successo sofferto contro la Ternana. A decidere la gara è il centrocampista Castagnetti, a nove minuti dal termine.

Una vittoria che serve per il morale ma sopratutto per la classifica, con i toscani che si ritrovano a soli tre punti dalla vetta. La Ternana torna a casa con zero punti e tanti rimpianti, una sconfitta immeritata arrivata a pochi minuti dal termine. La classifica dei umbri rimane preoccupante, terzultimo posto a quota 21 punti. Nel match clou di giornata, la Cremonese supera il Parma grazie a un gol di Cavion a tempo quasi scaduto. Vittoria che vale il quarto posto in classifica a quota 35 punti, a sole 2 lunghezze dal terzo posto occupato dall'Empoli. Per il Parma un passo indietro, la squadra di D'Aversa è parsa troppo rinunciataria e sottotono. I ducali dopo la sconfitta di Cremona si ritrovano al settimo posto, a quota 33 punti.

Nel posticipo del sabato pari per 1-1 tra Cesena e Bari, con i pugliesi che colgono un buon punto in trasferta. La squadra di Castori non è riuscita a mantenere il vantaggio acquisito nella prima frazione, grazie alla rete del fantasista Laribi. Nella ripresa gli uomini di Grosso hanno reagito alla grande, trovando il meritato pari grazie all'autorete di Suagher. Un pari che serve di più al Bari, che consolida il piazzamento tra le prime otto della graduatoria. Mentre il Cesena rimane nei bassifondi della classifica, a +1 dalla zona retrocessione.

Continua l'imbattibilità esterna del Palermo

Il Palermo di Tedino continua la sua imbattibilità esterna, pareggiando a reti bianche contro lo Spezia.

Un pari che conferma la maturità dei rosanero, nonostante i problemi societari. Per lo Spezia continua il momento magico, la squadra di Gallo non perde da ben cinque gare. Nelle ultime 11 gare ne ha perso solamente una, numeri che confermano il salto di qualità compiuto. Chi si conferma squadra da tenere d'occhio, è il Cittadella di Roberto Venturato. La squadra veneta vince in rimonta ad Ascoli, con l'ennesima prova da squadra matura. Una vittoria che lancia il Cittadella addirittura al quarto posto, a pari merito con Bari e Cremonese. Per l'Ascoli un brutto passo falso, che lascia la squadra di Cosmi mestamente al penultimo posto in classifica. Una situazione ancora rimediabile, a patto che si cambi marcia già dalla trasferta di Vercelli.

Una menzione speciale la merita la gara spettacolo tra Brescia e Avellino, terminata con un roboante 2-3 in favore degli irpini. Una gara che ha regalato emozioni a non finire, con rimonte da una parte e dall'altra che hanno entusiasmato il pubblico presente. A nulla è servito il ritorno in panchina di Boscaglia, richiamata dal ribelle Cellino al posto di un deludente Pasquale Marino. La sconfitta contro l'Avellino, fa sprofondare le rondinelle nella zona rossa della classifica. Mentre gli uomini di Novellino trovano tre punti fondamentali, staccando momentaneamente le concorrenti per la salvezza.