Si ritorna a parlare del caso della morte di Elena Ceste, la mamma di Costigliole d'Asti i cui resti sono stati ritrovati lo scorso ottobre nei pressi di un canale di scolo situato a pochissima distanza dalla sua abitazione. Ad oggi 13 dicembre ci sono delle importanti news riguardanti il caso di Elena Ceste, che sono state fornite in diretta tv ieri sera durante la puntata di Quarto Grado in onda su Rete4.

Le novità di oggi riguardano i primi risultati dell'autopsia che è stata effettuata sui resti di Elena Ceste: ebbene dagli accertamenti è stato affermato con sicurezza che Elena è stata uccisa da qualcuno e quindi definitivamente è stata esclusa l'ipotesi del suicidio, così come si ipotizzava in un primo momento, e come aveva fatto credere anche il marito della donna, Michele Buoninconti.

Pubblicità
Pubblicità

Elena Ceste, le ultime news: chi ha ucciso la donna?

Le ultime news di oggi su Elena Ceste, rivelano che i risultati della perizia rivelano che quella mattina la donna non aveva assunto farmaci: i test tossicologici sono negativi. Inoltre, confermano che non c'è stata ipotermia così come non ci sono segni di annegamento. Sui resti della mamma di Costigliole d'Asti non ci sono lesioni da taglio oppure da arma da fuoco, tuttavia manca l'osso del collo e quindi non è stato possibile stabilire se Elena sia stata strangolata (ipotesi molto accreditata dagli inquirenti).

A questo punto, quindi, una volta stabilito con esattezza dall'autopsia che Elena sia stata uccisa da qualcuno, resta da capire chi possa essere l'assassino della donna, che l'ha strappata per sempre dalle braccia dei suoi quattro adorati figli. L'unica persona che ad oggi 13 dicembre resta iscritta nel registro degli indagati è il marito Michele Buoninconti, che dal canto suo continua a proclamarsi innocente. I familiari della donna, adesso, sperano che al più presto venga fatta giustizia e vengano restituiti loro i resti della donna per poter svolgere il funerale e dare ad Elena una degna sepoltura entro la fine di questo drammatico 2014.

Pubblicità



Leggi tutto