Stanno proseguendo senza sosta le indagini per cercare di scoprire l'assassino di Andrea Loris Stival, il bimbo di otto anni barbaramente strangolato e gettato nella zona del "Vecchio Mulino", a quattro chilometri da Santa Croce Camerina, dove è stato ritrovato da un cacciatore. La principale indiziata per l'omicidio del piccolo Loris, la madre Veronica Panarello, ha sempre affermato di essere innocente, anche se la sua versione dei fatti non coincide con le immagini delle telecamere di sorveglianza di Santa Croce Camerina.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

La madre di Andrea Loris Stival sta attendendo la decisione del Tribunale del Riesame su ricorso presentato dal suo avvocato, Francesco Villardita, contro l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Secondo gli inquirenti sarebbe stata Veronica Panarello ad assassinare il figlio, strangolandolo con una fascetta di plastica da elettricista.

Ultime news Andrea Loris Stival, il marito di Veronica non è ancora andato a trovarla in carcere

Ricordiamo che dopo la morte di Andrea Loris Stival, la donna ha consegnato alla maestra di scienze una scatola di fascette da elettricista molto simili a quella usata per uccidere il piccolo. E gli investigatori non hanno certo trascurato questo dettaglio. Il marito di Veronica Panarello, Davide Stival, non è ancora andato a trovarla in carcere. Il padre del piccolo Loris ha infatti affermato che non può ignorare gli accertamenti degli inquirenti. Ma non è escluso che Davide si rechi prossimamente in carcere per un confronto con la moglie.

I migliori video del giorno

Ultime news Andrea Loris Stival, su Facebook nasce un gruppo che sostiene l'innocenza di Veronica Panarello

Intanto, su Facebook è nato un gruppo a sostegno della madre di Loris, intitolato: "Veronica Panarello è innocente". Il gruppo ha già riscosso più di duecento "Mi piace" su Facebook. Riportiamo alcuni commenti: In Italia la Giustizia manda in galera solo gli innocenti senza una prova di colpevolezza, i colpevoli non vengono mai presi in considerazione: liberate questa povera mamma". "Grazie infinite a tutti coloro che sostengono la mia principessa Veronica. Non vedo l'ora di riabbracciarla. Dio vi benedica tutti", scrive Francesca Panarello.