In questi giorni, le telecamere dei mass media italiani, sono concentrate in questo piccolo paesino della Sicilia in provincia di Ragusa, Santa Croce Camerina. La popolazione è sconvolta dall'accaduto o peggio, dalla morte di Loris, bimbo di 8 anni ucciso da qualcuno barbaramente e pare che l'arma del delitto sia proprio una fascetta da elettricista. La domanda che tutti si pongono in questi giorni e in queste ore di caos è: chi ha ucciso il piccolo Loris e perchè?

Gli inquirenti stanno indagando su quelle fatidiche ore che la mattina del 29 novembre scorso, il piccolo Loris trascorse insieme alla madre per andare a scuola.

Le telecamere di questo piccolo paese del ragusano, non hanno mai ripreso la madre Veronica Panarello insieme al suo piccolo... Erano insieme? Il cerchio si stringe attorno alla madre al momento interrogata dagli inquirenti, le contraddizioni sono tante, esistono cinque versioni diverse l'una dall'altra che Veronica pare abbia rilasciato agli agenti di Polizia.

Che ruolo ha in tutto questo il cacciatore che trovò il corpo del bambino? La Polizia scientifica è andata proprio a casa di Orazio Fidone ad effettuare un accurata perquisizione. Secondo gli inquirenti che indagano sull'omicidio, pare che la soluzione al giallo sia vicina. Infatti gli agenti della Polizia scientifica, nelle ultime sere sono ritornati in contrada Mulino Vecchio per effettuare altre indagini accurate che potrebbero dare la svolta a questo mistero.

Veronica Panarello chiede di vedere il corpo del suo piccolo bambino: secondo il suo Avvocato, la donna risulta essere disperata e addolorata, molto sofferente e spesso rinchiusa in un mutismo assordante. Il padre del bambino, che la mattina del delitto era fuori la Sicilia con il suo camion, in quanto fa l'autotrasportatore, dice ai giornalisti presenti : "Noi vogliamo non un colpevole ma il colpevole".

I migliori video del giorno

Secondo le dichiarazioni della Preside della scuola che frequentava Loris Stival, erano persone normalissime ed il bambino era ben integrato con i compagni di scuola, ben voluto da tutti. E' stata una tragedia che nessuno si sarebbe mai aspettato.