Ad oggi 10 gennaio 2015 ancora non sappiamo la verità su alcuni casi di cronaca nera che appaiono avvolti nel mistero assoluto. Uno di questi è quello del piccolo Andrea Loris Stival, il bimbo di soli 8 anni ritrovato morto nel ragusano. Secondo le indagini degli inquirenti la presunta responsabile della morte del bambino è sua madre, Veronica Panarello, che da oltre un mese si trova rinchiusa in carcere.

Pubblicità
Pubblicità

La donna, però, si è sempre proclamata innocente e ha ribadito più volte di non aver fatto lei del male al suo piccolo. Le ultime news sul caso di Andrea Loris Stival arrivano dalla diretta tv di Quarto Grado del 9 gennaio, dove sono state rese note le conversazioni tra Veronica e suo marito, che in questi giorni è andato a trovarla in carcere. L'uomo ha chiesto a sua moglie di dire tutta la verità, perchè solo in questo modo avrebbe potuto aiutarla, rivelandogli inoltre di avere il sospetto che Veronica stesse coprendo qualcuno, vero responsabile della morte del loro piccolo Andrea.

Pubblicità

Andrea Loris, Elena Ceste e Yara: tre misteri italiani, presto la verità?

Dagli aggiornamenti emersi a Quarto Grado, non si esclude che Veronica possa aver tradito suo marito con un altro uomo e forse il piccolo Andrea Loris è stato testimone di uno degli incontri tra la donna e il suo amante: è questa la chiave del mistero? Al centro degli ultimi aggiornamenti ad oggi 10 gennaio 2015 vi è anche il caso di Elena Ceste: dai i primi dati emersi dall'autopsia effettuata sui resti del corpo di Elena Ceste, la donna sarebbe stata strangolata.

La perizia verrà depositata ufficialmente la settimana prossima, e potrebbero quindi tenersi presto anche i funerali.

News e aggiornamenti anche sul caso di Yara Gambirasio: nella puntata di Quarto Grado è stata mostrata una lunga intervista alla mamma del presunto killer, Massimo Bossetti che ha difeso suo figlio, descrivendolo come una persona buona d'animo che non avrebbe mai potuto fare del male a Yara.

Quando Ester Arzuffi ha incontrato Bossetti in carcere, l'uomo in lacrime le ha detto che mai avrebbe potuto fare una cosa simile ad una ragazzina di soli 14 anni, che tra l'altro ha la stessa età di una delle sue figlie. La donna ha raccontato che in carcere hanno cercato in tutti i modi di farlo confessare, ma Bossetti non si è mai piegato e in un incontro con la famiglia ha dichiarato: "Mi diano pure l'ergastolo.

Pubblicità

Non ho fatto niente e non posso confessare una cosa che non ho commesso".



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto