Proseguono incessantemente le indagini per cercare di scoprire l'assassino di Andrea Loris Stival, il bimbo di soli otto anni morto strangolato e ritrovato cadavere da un cacciatore pensionato nei pressi di un canale di scolo della zona del "Mulino Vecchio", a pochi chilometri da Santa Croce Camerina. Le indagini, al momento, si stanno concentrando sull'attacco mosso da Veronica Panarello alla madre e alla sorella (accusate di averla fatta arrestare a causa delle loro dichiarazioni), ma anche sull'ennesimo esame dei filmati delle telecamere di Santa Croce Camerina, che incastrano Veronica Panarello. Sembra infatti che la sagoma che si vede nelle immagini sia di Andrea Loris Stival.

Si pensava infatti che essa appartenesse ad un compagno di scuola di Loris, ma la sorella del bimbo ha svelato di averlo accompagnato a scuola la mattina del 29 novembre. Si tratta di un dettaglio che, se fosse ufficialmente confermato dagli inquirenti, aggraverebbe ulteriormente la posizione di Veronica Panarello.

Ultime news Andrea Loris Stival, sarà chiesta la perizia psichiatrica per Veronica Panarello?

Nelle ultime ore, comunque, è emersa l'ipotesi che la difesa della donna possa tentare sull'ultima carta. La linea difensiva di Veronica Panarello potrebbe infatti chiedere la perizia psichiatrica, anche se al momento non paiono esserci i presupposti per un provvedimento di questo tipo. Tuttavia, dai verbali della Procura spunta una dichiarazione di Veronica Panarello che potrebbe dare una svolta in questo senso.

I migliori video del giorno

La ventiseienne, infatti, ha affermato di "essersi dimenticata di tutti gli avvenimenti negativi della sua vita", una sorta di corazza psicologica di protezione che potrebbe diventare un elemento rilevante per la linea difensiva di Veronica Panarello. Perciò, non si esclude che possa essere chiesta una perizia psichiatrica per la madre di Andrea Loris Stival. I filmati delle telecamere di Santa Croce Camerina smentiscono la versione dei fatti di Veronica Panarello; la donna ha dunque rimosso involontariamente ciò che è avvenuto la mattina del 29 novembre? Un'ipotesi che non possiamo scartare del tutto. Ma ora occorre aspettare l'esito delle prossime indagini.