Sabato 25 aprile, un Terremoto di magnitudo 7.8 ha colpito il Nepal, con scosse supplementari nei tre giorni successivi. Quasi otto mila sono morti accertati, e circa quindici mila i feriti senza cibo adeguato, acqua o riparo. In momenti come questo, la prima domanda per molti è: "Come posso aiutare?" Per coloro che vogliono farlo, ecco quello che dovete sapere.

Ci sono quattro fasi in caso di catastrofe.

Pubblicità
Pubblicità

Siamo ancora nella prima fase caotica quando l'obiettivo primario è svolgere nell'immediato operazioni di ricerca e soccorso. Ciò è estremamente impegnativo, richiede delle competenze specializzate da parte dei primi soccorritori che hanno esperienza in simili catastrofi. In Nepal, con un solo aeroporto, le strade e i sistemi di comunicazione in disordine, non si conosce nemmeno la piena portata della situazione e il coordinamento è fondamentale.

Pubblicità

Per questo il Center for Disaster Philanthropy, Accountability Lab, il Center for International Disaster Information, Disaster Accountability Project, e l'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari sono costantemente in contatto.

Ecco tre consigli da tenere a mente per garantire la vostra donazione con il maggiore impatto possibile.

1. Resistere all'impulso di donare oggetti, ma inviare denaro di qualsiasi importo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Terremoto

Molte persone vengono intimate a donare oggetti come cibo, vestiti o coperte. Nonostante siano buone intenzioni, tali donazioni spesso non corrispondono a ciò che è realmente necessario e possono rischiare di ostruire la logistica e le capacità di stoccaggio.

2. Affidatevi a grandi organizzazioni umanitarie internazionali e di primo soccorso specializzate, le quali possono sfruttare reti globali e filiere che consentono loro di portare le risorse in modo rapido e con un alto volume.

Ad esempio, Oxfam ha dichiarato di aver inviato cinque tonnellate di acqua e servizi igienico-sanitari, forniture dal suo magazzino internazionale di Barcellona entro 72 ore dal terremoto, nonché le prestazioni via terra dall'India.

Medici Senza Frontiere ha mandato squadre di medici con un kit chirurgico di pronto intervento per eseguire le operazioni di emergenza necessarie durante questo periodo critico.

Pubblicità

Save the Children, World Vision, e Unicef, che hanno esperienza nelle operazioni di soccorso e stavano già agendo sul campo in Nepal prima del terremoto, sono particolarmente ben posizionate per agire.

3. L'aiuto è necessario ben oltre la prima fase: dopo le prime 72 ore, l'attenzione si sposterà sulla ricerca, il salvataggio e l'assistenza medica di emergenza per affrontare i bisogni immediati e la sicurezza dei sopravvissuti, soprattutto alla luce della stagione umida del Nepal che dovrebbe iniziare tra cinque settimane.

Pubblicità

Il Nepal avrà bisogno di un sostegno continuo per ricostruire e recuperare, soprattutto in considerazione dell'impatto del terremoto che ha avuto sul settore turistico, importante per il Paese. Naturalmente, molte organizzazioni internazionali per lo sviluppo, nonché i gruppi locali possono svolgere un ruolo chiave nel processo di recupero a lungo termine, e alcuni dei fondi raccolti nel breve termine possono essere utilizzati nel lavoro a lungo termine.

In conclusione, cercate di restare aggiornati sugli sviluppi, "un mondo differente non può essere costruito da persone indifferenti".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto