Quando fu eletto, il Cardinale Bergoglio si autodefinì 'il Papa venuto dalla fine del Mondo'. Un po’ come Karol Wojtyla, definito un Papa 'venuto da molto lontano'. Del resto Papa Francesco viene da ancor più lontano della Polonia, ossia dal Sudamerica, nella fattispecie, l'Argentina. Sebbene abbia origini italiane, dato che i nonni erano piemontesi. Una caratteristica che in fondo non sorprende, dato che molti argentini hanno avi italiani. E in quella 'fine del Mondo' ci è tornato, con un programma fitto di impegni iniziato il cinque luglio e che si concluderà lunedì 13. Per visitare nell'ordine Ecuador, Bolivia e Paraguay; tra gli ultimi, nei luoghi dove si soffre.

Ora si trova in Bolivia e qui ha ricevuto un regalo che lo ha imbarazzato non poco, al punto da toglierselo presto da dosso. Qualcuno già parla di incidente diplomatico. Vediamo cosa è successo.

Il Presidente Evo Morales gli ha consegnato un crocifisso con falce e martello una medaglia particolare

Sarà che in tanti lo hanno definito un 'Papa comunista' per le sue posizioni in favore dei più deboli, fatto sta che il Presidente della Bolivia Evo Morales – molto noto per il suo carattere umile e per la sua evidente attenzione verso i meno abbienti e l'ambiente – gli ha regalato un crocifisso con falce e martello alla base. In particolare, l'asse verticale della Croce è l'impugnatura di un martello, che alla base si intreccia con la falce. Ma non finisce qui.

I migliori video del giorno

Come riporta Libero, Morales ha ben pensato di mettere al collo del Pontefice una placca che riproduce la stessa immagine del Crocifisso, nonché un medaglione che contiene foglie di coca (riecheggiando la ormai nota battuta del Papa su queste ultime). Papa Francesco è parso visibilmente imbarazzato, al punto da togliere quasi subito tolto il collare dopo averlo ringraziato.

Cosa ha donato lui

Nel rituale dello scambio dei doni, in questo caso alquanto blasfemo, il Papa ha ricambiato con una icona del "Salus Populi Romani", le versioni spagnole della tanto apprezzata Enciclica "Laudato sì" e una dell'Esortazione Apostolica "Evangelii gaudium". Regali più consoni insomma. Ma parafrasando un vecchio detto: a crocifisso donato…