Il Regno Unito, da sempre, è la patria dei megaliti e dei misteri legati a queste antiche costruzioni preistoriche. Stonehenge, in particolare, attira quotidianamente milioni di turisti, sia per la sua composizione ancora incredibilmente intatta, sia per le numerose teorie legate alla sua realizzazione e chiunque faccia un viaggio a Londra non può esimersi dall'andare a vedere questo affascinante sito archeologico, che dista un paio d'ore dalla capitale inglese e che si trova nel bel mezzo della piana di Salisbury. Ad aumentare il fascino di quest'opera ci si sono messi un gruppo di ricercatori della Stonehenge Hidden Landscapes Project, i quali hanno scoperto che al di sotto del sito ci sono numerose altre pietre, molte delle quali alte fino a quattro metri e risalenti, in media a circa 4.500 anni fa.

Una scoperta, insomma, a dir poco sensazionale, che cambia parecchio il nostro modo di rapportarci alla storia di Stonhenge e alle usanze religiose dei nostri antenati. Ma come abbiamo fatto a non accorgercene fino ad ora?

Il ritrovamento senza scavi alla piana di Salisbury

Nel panorama delle migliori invenzioni scientifiche del momento, quindi, è possibile inserire anche i mezzi grazie ai quali si è scoperto questo sito gemello di Stonehenge. I ricercatori, infatti, non hanno dovuto scavare per portare alla luce i monoliti, ma si sono serviti di speciali radar a infrarossi che vengono trasportati per tutta la piana con i quad, le moto a quattro ruote che non di rado si vedono circolare in città, soprattutto d'estate. In occasione del festival delle scienze di Bredford, il capo del team che ha preso parte alle ricerche (tale Vince Gaffney) ha affermato che il sito sottostante Stonehenge parte dalla fossa di Durrington Walls e forma una lunga linea di pietre che arriva fino alla più nota Stonehenge.

I migliori video del giorno

Ancora non è chiaro ai ricercatori se questa nuova costruzione potesse far parte del complesso che tutti conosciamo, ma fatto sta che si tratta di una scoperta che potrebbe darci nuove risposte su come e perché sono stati costruiti questi monumenti.