Nel panorama delle migliori invenzioni tecnologiche del momento, è d'obbligo fare una citazione su un progetto che sta per sperimentare il governo del Regno Unito: l'installazione, sulla rete stradale e autostradale d'oltremanica, di corsie preferenziali che permettano agli automobilisti dotati di auto elettrica di ricaricare il proprio veicolo semplicemente passandoci sopra, grazie ad un dispositivo wireless posizionato sotto il manto stradale. Si tratta di un'idea a dir poco rivoluzionaria e c'è poco da stupirsi se siano stati gli inglesi a pensarci per primi rispetto a noi italiani, che quotidianamente facciamo i conti con il degrado in cui versano le strade delle nostre città.

Per incentivare l'uso di questi veicoli ecologici, insomma, la Gran Bretagna è decisa a sperimentare queste particolari corsie, che saranno colorate di verde e permetteranno di fare più chilometri con un "pieno" di energia elettrica, dato che l'auto si ricaricherà costantemente durante il tragitto.

Ecco quando il progetto diventerà realtà

Mentre i tedeschi sono intenzionati a portarci da un capo all'altro del globo in tempi strettissimi, gli inglesi rispondono con una rete stradale a dir poco evoluta, che permetterà a chiunque possegga un'auto elettrica di circolare su una speciale corsia che ricaricherà la macchina grazie ad una rete wireless installata sotto il manto stradale.

Il progetto, che dovrebbe essere sperimentato entro fine anno, dovrebbe diventare realtà tra circa 18 mesi: si tratta di un nuovo piano di trasporti deciso nell'ambito della Road Investment Strategy che i britannici stanno proponendo ai loro concittadini. In più, il governo Cameron è fermamente convinto che ci debbano essere colonnine di ricarica per le auto elettriche ogni 30 chilometri, in modo che chiunque possegga un veicolo di questo tipo non debba andare troppo a lungo alla ricerca di un fornitore durante il suo tragitto.

Per altre notizie sull'argomento, ti consiglio di seguirmi cliccando sul bottone che puoi vedere in alto a sinistra vicino al nome dell'autore.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto