I terroristi dell'Isis sotto l'effetto di droghe? Recentemente, alcune fonti francesi hanno sostenuto che i militanti dell'organizzazione di matrice islamica, prima di attaccare Parigi, avrebbero assunto una droga sintetica. Si tratterebbe del Captagon, ovvero un’anfetamina capace di inibire la sensazione di terrore. Secondo quanto asseriscono alcuni media, in seguito agli attentati parigini, sarebbero state ritrovate alcune siringhe che contenevano tracce di questa sostanza, in strada e nei diversi luoghi occupati dai terroristi, tra i quali Salah Abdeslam, uno degli attentatori appunto. 

Cosa è il Captagon e quali sono i suoi effetti

È stata definita come la droga del terrore visto che, quanti la assumono sono in grado di dimenticare sensazioni comuni la paura o necessità quali la fame e il sonno.

Gli attentatori, dunque, in virtù degli effetti di tale pastiglia, molto probabilmente sono stati attivi, svegli e determinati nel portare avanti il loro obiettivo. Ma, va precisato che, per dovere di cronaca, non è detto che queste voci siano reali. A tal proposito, in questi giorni, le autorità sono state incaricate di appurare se tali affermazioni fossero reali oppure frutto della fantasia. 

Secondo l'Omd, l'Organizzazione mondiale delle dogane, sembrerebbe che il Captagon sia molto diffuso in Siria, soprattutto tra i jihadisti dell’Isis. Rispetto agli anni passati, la droga è in forte crescita anche nei paesi vicino alla Siria, come in Libano e in Giordania. Nel tempo si è diffusa anche in Medio Oriente e ciò che ha favorito questa diffusione è anche il suo costo relativamente basso. Infatti, con circa 20 dollari si entra in possesso della droga "dell'onnipotenza".

I migliori video del giorno

Ad affermarlo anche il neurobiologo dell'Inserm, Jean-Pol Tassin, che ha spiegato l'effetto del Captagon: “È molto forte e tende ad aumentare la resistenza e l'attenzione”, proseguendo poi: “Si ha l'impressione di essere dei ‘re’”. 

La droga gli ha dato la forza per fare ciò che hanno fatto

I media francesi, quindi, avrebbero dichiarato che gli attentatori, senza l'effetto aggiuntivo della pastiglia, non sarebbero stati determinati, attivi, svegli e pronti a portare a compimento il proprio obiettivo. A questo punto le autorità dovranno scoprire se tali affermazioni risulteranno essere corrette.

Se vuoi rimanere aggiornato su questo ed altri argomenti, clicca sul tasto Segui vicino al nome ad inizio articolo.