Si starebbero focalizzando sui contatti e gli incontri avuti dalla donna nella notte tra giovedì e venerdì scorsi all'interno di un locale in via de' Bardi, il luogo in cui è stata vista per l'ultima volta viva, le indagini avviate dalla procura della repubblica di Firenze, sul delitto di Ashley Olsen, l'americana di 35 anni strangolata nella sua casa di via Santa Monica nel capoluogo toscano. Uno dei probabili scenari del femminicidio valutati in queste ore dagli inquirenti, che subito dopo il ritrovamento del cadavere hanno sentito per diverse ore il fidanzato della vittima e anche gli amici, che la giovane possa essere stata ammazzata dal qualche persona incontrata poco prima all'interno del locale di via de' Bardi a Firenze dove fu vista viva per l'ultima volta da diversi conoscenti.

Pubblicità

Femminicidio a Firenze, al setaccio i video degli impianti di sorveglianza

Tutte le ipotesi investigative restano comune aperte, in attesa che arrivino i primi risultati dell'autopsia in corso oggi (11 gennaio). Intanto, sul fronte dell'inchiesta, la polizia scientifica sta analizzando - come riporta l' un reggiseno di pizzo nero abbandonato su una bici appoggiata su un muro a una cinquantina di metri dall'abitazione di via Santa Monica a Firenze in cui Ashley Olsen viveva da sola con il suo cane beagle Scout.

L'indumento intimo ritrovato nel quartiere di San Frediano ancora sconvolto dall'accaduto verrà sottoposto all'esame degli investigatori scientifici per valutare intanto se possa appartenere alla donna uccisa. Nel frattempo si scandagliano le immagini riprese dalle telecamere degli impianti di video sorveglianza presenti in zona per capire se è possibile vedere se è possibile vedere chi sia entrato ed uscito nella casa della giovane americana a Firenze. Nel frattempo, si apprende che sulla sua pagina di Instagram la giovane statunitense aveva scritto "I have a stalker, ho uno stalker", a corredo di una foto di lei mentre passeggiava col suo cane, ma la donna non aveva mai presentato una denuncia per stalking alle forze dell'ordine.

Pubblicità