Lo scorso 22 dicembre, ovvero la giornata mondiale dell'orgasmo, Rocco Siffredi, rinomato attore di film per adulti ha lanciato una petizione su change.org, noto portale per lanciare petizioni e raccogliere firme, il suo obiettivo: raggiungere 50 mila sostenitori per portare l'educazione sessuale nelle scuole. Con l'hashtag #cipensarocco e #cometogheter ha già raggiunto 35 mila firme e quindi ne mancano solamente 15 mila per raggiungere il suo obiettivo. La petizione lanciata dall'attore hard italiano ha fatto molto discutere e ha raccolto moltissimi commenti positivi di persone che sono d'accordo con le parole di Rocco. Le richieste di Siffredi sono rivolte al ministro dell'istruzione Stefania Giannini al quale chiede di insegnare l'educazione sessuale nelle scuole italiane.

Rocco sottolinea come l'Italia sia uno dei pochi Paesi europei a non insegnare l'educazione sessuale a Scuola, e a come, con l'avvento di internet la pornografia è sempre più diffusa e alla portata di tutti, anche di chi non dovrebbe vederla.

"Ci metto la faccia e l'esperienza"

Rocco afferma: "Ci metto la faccia e l'esperienza, offro la mia completa disponibilità a visitare le scuole italiane e a farmi promotore in prima persona di questa iniziativa." Inoltre sottolinea come il tema della sessualità sia ancora un tabù in Italia, e come molti giovani avrebbero bisogno di parlarne e di aprirsi, di soddisfare le proprie curiosità, ma senza sapere a chi rivolgersi, quindi cercando di imparare da video hard trovati principalmente in rete, ma come dice Rocco, quella non è la realtà: "i film per adulti non sono affatto un manuale di educazione sessuale per adolescenti".

I migliori video del giorno

Siffredi ha alle spalle duemila film come attore e oltre 450 come regista, dunque possiede l'esperienza necessaria per fare il tour delle scuole italiane a istruire i giovani "su una delle cose più belle e importanti nella vita", come scritto da lui su change.org. La petizione di Rocco ormai ha fatto molto scalpore ed è sempre più vicina al suo obiettivo di 50 mila adesioni, ma tutto questo cambierà realmente qualcosa?