La notizia di una tragedia arriva dal Giappone dove un bus, con quarantuno passeggeri a bordo, ha fatto un volo di tre metri. Il bilancio è pesantissimo, le prime notizia parlano di quattordici morti e ventisette feriti, alcuni molto gravi. Secondo le prime ricostruzioni pare che l’autobus, che stava dirigendosi in una delle più note città turistiche di montagna, Karuizawa, nella prefettura di Nagano, abbia ad un tratto cambiato corsia come se fosse letteralmente impazzito. Il bus ha per qualche metro speronato il guardrail a bordo della strada per poi finire la corsa nel vuoto facendo un volo di almeno tre metri. Quando sono arrivati sul posto, i Vigili del Fuoco, unitamente ad altri uomini dei soccorsi e alle forze dell’ordine, hanno trovato il bus riverso in un fianco, ma non potevano mai immaginare cosa gli si sarebbe prospettato subito dopo.

I soccorritori si sono trovati di fronte una scena agghiacciante, con cadaveri e feriti ovunque. A mano a  mano che gli uomini dei soccorsi procedevano con le operazioni, si rendevano conto del drammatico epilogo di quella che doveva essere una bella vacanza in una bella location sciistica del Giappone.

Quella che doveva essere una vacanza si è trasformata in tragedia

I quarantuno passeggeri che si trovavano all’interno dell’autobus, compresi i due autisti, avrebbero dovuto raggiungere un Resort per un periodo di vacanza, una vacanza che, purtroppo, si è trasformata in tragedia. La corsa del mezzo è finita a margine di una strada dopo un volo che non ha lasciato scampo. Malore o colpo di sonno? È ancora presto per conoscere la vera causa che ha portato all’incidente, il cambio repentino di corsia fa pensare a un probabile colpo di sonno o, magari, ad un malore che avrebbe potuto colpire l’autista.

I migliori video del giorno

Adesso saranno gli inquirenti a verificare la dinamica dell’incidente, ma intanto il Giappone piange le vittime, quattordici persone che avrebbero dovuto raggiungere una meta turistica per un periodo di relax e sport e, invece, sono andati incontro alla morte.