Sono in tanti ad augurarsi che un giorno l'umanità possa scoprire di non essere sola nell'universo. Tuttavia questa evenienza non sembra poi cosi positiva per quanto concerne la sopravvivenza della nostra razza. Lo dice Jill Tarter, esperta del Search for Extraterrestrial Intelligence: gli effetti di un eventuale contatto con una civiltà aliena potrebbero essere devastanti per l'uomo. Secondo l'esperta, se davvero gli alieni fossero capaci di arrivare nel nostro pianeta e mettersi in contatto con noi, questo vorrebbe dire che la loro tecnologia sarebbe di molto avanti alla nostra e dunque è facile ipotizzare che gli UFO potrebbero benissimo pendere il sopravvenuto sull'uomo. 

Siamo soli nell'universo?

Ricordiamo che il Seti ha proprio il compito di utilizzare segnali radio per scansionare l'universo, nella speranza di trovare tracce di vita in un'altra galassia.

Secondo Jill Tarter forse l'uomo non ha ancora capito quale è il sistema giusto per mettersi realmente in contatto con altre civiltà. Secondo l'esperta, il Seti potrebbe anche non essere in grado, con l'attuale tecnologia a disposizione, di individuare altre forme di vita, che possibilmente vivono talmente lontane dal nostro pianeta da non poter essere raggiunte con i mezzi attuali di cui dispongono gli scienziati. Questo però non vuol dire che qualche altra civiltà non possa esistere, visto e considerato che l'universo è infinito e sembra difficile che l'umanità possa essere un unicum. 

Il Seti è un programma dedicato alla ricerca della vita extraterrestre, cosi evoluta da inviare segnali radio nell'universo. L'obiettivo è far conoscere la nostra esistenza ad altre civiltà allo scopo di venire contattati.

I migliori video del giorno

 Questa è un'organizzazione privata senza scopo di lucro nata ufficialmente nel 1974. La sede centrale del Seti si trova in California a Mount View. La ricerca viene effettuata soprattutto in quei pianeti che per caratteristiche assomigliano maggiormente al nostro. Un recente studio ha dimostrato come solo appena l'8% di pianeti simili al nostro sia stato fino ad ora raggiunto da questi segnali.