L'iniziativa di Paul Salo, un uomo d'affari statunitense che ha lanciato un'operazione di crowfunding per raccogliere 1,5 milioni di dollari e ricreare una situazione simile all'attacco alle torri gemelle che l'11 Settembre 2001 ha sconvolto l'America, appare una bizzarra provocazione, una trovata di marketing - di cui l'uomo è esperto - per attirare l'attenzione mediatica, ma Salo sembra determinato a mettere in pratica il suo progetto. Tanto che promette, a chi donerà almeno 5.000 dollari, un posto in prima fila per assistere alla scena.

Pubblicità

Ricreare l'attacco dell'11 Settembre abbattendo un vecchio edificio in Thailandia

Salo intende acquistare un vecchio edificio da demolire, in un luogo deserto della Thailandia, e mandarci a sbattere un aereo, dotato di scatola nera funzionante e di autopilota, alla velocità di 500 miglia orarie, come accadde alle Twin Towers di New York quel giorno maledetto. Per riuscire nel suo progetto, annunciato mediante un video caricato su Youtube il 6 Maggio, e che fino ad oggi ha ottenuto poco più di 18.000 visualizzazioni, Salo ha lanciato il crowfunding, e aperto dei profili social per trovare donatori.

Verificare se l'11 Settembre fu un complotto

Con questa operazione Salo crede di poter verificare se l'11 Settembre fu un complotto o meno. Lui però non si sbilancia: "Io non credo né che la versione ufficiale sia vera, né che sia falsa. Voglio solo scoprire come sono andate le cose una volta per tutte", sostiene. 

Una trovata di marketing per guadagnare le prime pagine?

L'iniziativa di Salo è riuscita a guadagnare spazio sui media di tutto il mondo. Sulla pagina Facebook dedicata al progetto, "911redux", che nonostante la visibilità "piace" a solo 56 persone, pubblica orgogliosamente articoli delle testate di tutto il pianeta che hanno concesso spazio alla sua iniziativa, tra cui l'emittente russa filogovernativa "Russia Today".

Pubblicità
I migliori video del giorno

La stampa thailandese ha bollato come "delirante" il progetto di Salo, che - appare evidente - non possa essere in grado di dimostrare niente. Ma probabilmente, Salo, che lavora come esperto di marketing e consulenza, l'ha ottenuto: far parlare di sé.