Annuncio
Annuncio

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Patti, in provincia di Messina, dottor Ugo Molina ha disposto nei confronti di tre insegnanti di scuola elementare, la sospensione dal servizio per soprusi e vessazioni compiute a danno dei propri alunni. Le tre maestre, la più anziana di 57 anni, e le altre due di, rispettivamente, 47 e 40 anni, sono state sospese per un anno (la prima) e sei mesi (le altre due). 

Ultime news scuola, mercoledì 25 maggio: tre insegnanti sospese per violenze su alunni

Dapprima, sono state raccolte delle testimonianze da parte dei genitori, preoccupati del cambiamento psicologico evidenziato dai figli al loro ritorno a casa da Scuola: nervosismo, rifiuto di recarsi in classe, persino l'idea della recita scolastica li aveva spaventati.

Dalle testimonianze si è passati poi alle riprese video e i filmati hanno rivelato dettagli ancora più agghiaccianti dei racconti ascoltati in precedenza: insulti, strattoni, calcioni, pizzicotti e schiaffi.

Advertisement

'Sei una capra, schifoso, babbo, un ritardato mentale' sono soltanto alcune delle offese lanciate ai bimbi, con un età media di sette anni. Spesso gli insulti venivano gridati a pochi centimetri dal viso dei bambini, vere e proprie minacce come 'vi lascio il segno addosso per tutta la vita', oppure 'se non scrivi ti prendo e ti passo con i piedi sulla pancia'.

Clima di terrore in classe: schiaffi, insulti, strattoni e calci

Un vero e proprio clima di terrore all'interno delle aule: bimbi che si rifugiavano disperatamente sotto il banco dopo essere stati vittima di violenti pizzicotti sulla guancia, altri afferrati per la giacca della tuta e trascinati fuori.Naturalmente, la regola imposta ai bambini era quella del rigido silenzio su quanto avveniva in classe: nessuno doveva raccontare nulla, nè dentro la scuola, nè a maggior ragione a casa.

Advertisement
I migliori video del giorno

La reazione delle insegnanti è stata omertosa: più volte interrogate sugli episodi, hanno insistito nel negare, anche quando sono state informate dei filmati che testimoniavano la loro vergognosa condotta in classe.