Lo scorso Gennaio a Torino, decine di persone sono state sfollate da un appartamento che ha preso fuoco per cause non ancora chiarite. Il fattaccio è avvenuto nella notte tra il 2 e il 3 Gennaio 2016 presso le case popolari di Via Sospello, nel quartiere Borgo Vittoria. Tra gli inquilini si era parlato di un cortocircuito, o di un possibile dolo.

L'incendio sarebbe stato appiccato per vendetta

Si ipotizza che quell'appartamento al terzo piano sia stato incendiato per fare un torto a chi lo occupava in maniera abusiva.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo alcuni residenti, in tale alloggio abitava uno spacciatore, che però era assente al momento del rogo. Un cittadino avrebbe raccontato alle Forze dell'Ordine: "Noi lo abbiamo visto litigare quella stessa sera con una persona". Una tesi inquietante e delittuosa, ma mai scartata dagli inquirenti. Qualunque sia stata la causa, fatto sta che i vigili del fuoco si erano visti costretti a far sgombrare i residenti della palazzina.

Pubblicità

Una scelta dolorosa, soprattutto per gli anziani e i disabili che hanno dovuto cambiare casa dal giorno alla notte. I problemi dei residenti non sono però terminati con il trasloco forzato. In quella palazzina, continuano tuttora a verificarsi episodi ignobili, come raccontano le famiglie che un tempo abitavano gli appartamenti. Il più grave di questi episodi denunciati riguarderebbe una serie di furti in piena regola. I ladri, approfittando dell'assenza dei vecchi inquilini, si introdurrebbero negli appartamenti di via Sospello per rubare i loro averi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Insomma, oltre il danno anche la beffa. 

Le nuove case sono inabitabili

Purtroppo le cattive notizie non finiscono quì. Infatti, chi ha accettato di andare a vivere presso le nuove abitazioni, si è trovato a dover affrontare condizioni a dir poco disumane. E' d'uopo fare gli opportuni esempi. Sabrina Mignone (48 anni) e Maddalena Mangone (54) sono due delle ex inquiline della palazzina di Torino. Le donne hanno mostrato allo staff della rivista Cronaca Vera, il contatore della nuova abitazione sigillato a causa della morosità del precedente padrone di casa.

Per questo sono costrette ad usare l'acqua fredda per cucinare e lavarsi. Una situazione insostenibile ed inaccettabile. La signora Mangone ha dichiarato di essere costretta ad usare il fornello elettrico per preparare la colazione, il pranzo e la cena. In questa condizione di degrado, la salute degli ex residenti della palazzina di via Sospello non può far altro che peggiorare e intanto aumenta la paura di nuove visite da parte dei ladri. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto