Una brutta vicenda per gli sfollati di Lazio e Marche: la burocrazia italiana anche in questo caso non permette di aiutare queste persone. Dopo il tragico giorno del terremoto sono state donate molte casette in legno o simili, per dare un tetto a chi non aveva più una casa. Fin qui tutto bene, il problema è giunto al momento del montaggio delle case: abuso edilizio. Questo tipo di struttura (fissa) è una violazione del piano regolatore, le uniche concesse sono le strutture su ruote come ad esempio lo sono roulotte e camper. L'unico modo per permettere il montaggio di tutte le casette a regola è approvare delle varianti al piano regolatore dei comuni interessati. I tanti bagni chimici donati e installati nelle varie tendopoli rischiano di essere tolti.

L'ordine di sgombero può arrivare da un giorno all'altro, tutto questo perché non si riesce a trovare una ditta che spurghi giornalmente i bagni come dice la legge. 

Le ultime dichiarazioni del Presidente del Consiglio

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, ad oltre un mese dal Terremoto, ha dichiarato che l'Italia ricostruirà i territori colpiti dal sisma esattamente come erano prima, metodo suggerito anche da Sgarbi. Inoltre ha aggiunto che non può bastare essere bravi durante l'emergenza, bisogna fare prevenzione per non piangere il giorno dopo. Durante un'iniziativa a favore del "si" al referendum che si è svolta pochi giorni fa a Prato, è intervenuto di nuovo sul terremoto. Questa volta si è limitato a dire che bisogna collaborare con tutti i partiti e fare un patto comune almeno sulla tutela del territorio, e ha dato il via al progetto "Casa Italia".

I migliori video del giorno

Il progetto Casa Italia affidato da Renzi al noto architetto Renzo Piano, prevede interventi su dieci milioni di case, e per la prima volta si sente parlare di prevenzione. Piano intende analizzare con gruppo di lavoro le case ritenute a rischio, costruite su zone molto sismiche oppure antiche e applicare le soluzioni migliori ai problemi riscontrati. Per aggiornamenti su questa ed altre notizie di cronaca, cliccate Segui