Era il 5 Luglio quando a seguito di una colluttazione con il fermano Amedeo Mancini rimase al suolo privo di vita il richiedente asilo Emmanuel Chidi Nnamdi, ospite di una struttura non distante al luogo dell'omicidio. Alla base dell'accaduto un diverbio iniziato dopo che Mancini aveva rivolto insulti razzisti all'indirizzo della moglie della vittima, che la magistratura ha appurato abbia reagito alle offese passando alle vie di fatto. La vicenda suscitò grande scalpore tra l'opinione pubblica, ma il caso è finito ben presto nel dimenticatoio, almeno fino a quando in questi giorni la magistratura ha accolto le richieste del legale di Mancini di concedergli gli arresti domiciliari, vincolati all'utilizzo del "braccialetto elettronico".

Vediamo che fine hanno fatto i protagonisti della vicenda.

La salma di Emmanuel è ancora in Italia

Ad oltre due mesi dal decesso la salma del nigeriano - che sarà rimpatriata appena possibile, quando saranno disbrigate tutte le pratiche burocratiche - è ancora ferma in Italia. Sulla lapide dell'uomo posta nel locale cimitero sono stati dipinti dei fiori, "perché nessuno andrà a rendere omaggio alla salma e portargliene di freschi", sostiene don Vinicio, il sacerdote che ospitava la coppia, nel corso di una intervista concessa a Repubblica e ripresa da varie testate giornalistiche.

La moglie Chinery è stata trasferita

La moglie della vittima Chinery, rimasta ormai vedova, è stata trasferita in un altro centro di accoglienza, distante da Fermo, dove la città sembra essersi schierata nettamente in favore del concittadino.

I migliori video del giorno

La ragazza è stata trasferita perché era rimasta sola, e per evitare che si venissero a creare situazioni di tensione.

Concessi i domiciliari ad Amedeo Mancini

E' di ieri la notizia che i giudici hanno accolto la richiesta di concessione dei domiciliari avanzata dal legale del fermano, che dovrebbe uscire dal carcere in questi giorni, forse potrebbe essere questione di ore. I magistrati hanno disposto che debba indossare il braccialetto elettronico, e appena sarà disponibile tale dispositivo Mancini potrà fare rientro nella sua abitazione.