28 Novembre 2016, USA, Ohio. Sono le 9:56 del mattino quando alla Ohio State University, almeno una persona ha aperto il fuoco contro gli studenti ospiti della struttura. Non se ne conoscono le cause ma si contano i primi feriti: 4 sono stati trasportati all'Ohio State Wexner Medical Center, 3 all'Ohio Health Grant Medical Center, 2 all'Ohio Health Riverside Methodist Hospital ma, uno di essi pare versare in gravi condizioni sebbene non sia in pericolo di vita. The Lantern, giornale degli studenti, parla di un cadavere di fronte i laboratori Koffolt. Si pensa possa essere quello dell'assassino.

Attraverso un tweet, l'Ateneo ha chiesto esplicitamente agli studenti di scappare o di nascondersi al meglio delle loro possibilità. Sempre secondo The Lantern, è possibile che ad aprire il fuoco siano state almeno due persone, una delle quali pare si sia nascosta o abbia tentato la fuga tramite i parcheggi di Lane Avenue. Una squadra SWAT è impegnata nella perlustrazione di Tuttle Park mentre dei cecchini hanno preso posto in punti strategici del campus e sono pronti ad aprire il fuoco.

L'ansia dei familiari e le caute rassicurazioni degli esperti

La situazione non è sotto controllo, come afferma la polizia di Columbus e non è bene sostare nei paraggi. Cydney Ireland, studentessa riuscita a mettersi in salvo, ha dichiarato alla stampa: "sono scossa, sembrava tutto surreale".

Il campus ospita circa 58.000 studenti, potenzialmente tutti in pericolo i vita. Rod Wheeler, detective della omicidi di Washington però ci tiene a precisare che le forze di polizia intervenute hanno un addestramento adeguato e sapranno mettere fine alla sparatoria nel modo meno cruento possibile. Ha inoltre invitato i parenti in apprensione a mantenere la calma: se ben nascosti, gli studenti ancora in trappola possono uscirne illesi.

Tutto quello che devono fare è togliere le suonerie ai cellulari e restare il religioso silenzio. Molti gli edifici ancora impenetrabili e a rischio. Traffico in tilt per la chiusura della Route 313, voluta dal Dipartimento dei Trasporti.

Segui la nostra pagina Facebook!