Due mucche e un vitello intrappolati su una roccia dopo il crollo del terreno circostante. Il video, che ha già fatto rapidamente il giro del mondo, è ben presto divenuto il simbolo del violento terremoto di magnitudo 7.8 abbattutosi sulla Nuova Zelanda e che ha provocato finora due vittime. A riprendere gli animali è stato un elicottero che sorvolava le campagne del distretto di Kaikoura, nell’Isola del Sud, una delle zone più colpite dal sisma.

I danni del terremoto

Finora i danni del violento Terremoto - manifestatosi nella giornata di domenica e che ha già fatto registrare almeno quattro scosse - ammontano a circa 2 miliardi di dollari neozelandesi, vale a dire circa 1,4 miliardi di dollari statunitensi. A riferirlo è stato il primo ministro John Key, che ha già effettuato sopralluoghi sia a Kaikoura che a Marlborough: “E’ una devastazione assoluta”, ha detto Key.

Il sisma - il cui epicentro è stato a meno di 120 miglia dalla città' di Christchurch, già pesantemente danneggiata dai terremoti del 2010-2012 - ha messo in ginocchio interi quartieri e fatto evacuare migliaia di persone. Anche il centro della capitale Wellington, che pure si trova sulla punta meridionale dell'Isola del Nord, è stato evacuato, mentre la gente che abita nei quartieri collinari è stata invitata a restare a casa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Non è scattato alcun allarme invece ad Auckland, la città più grande del Paese con i suoi 1,4 milioni di abitanti. Ma non è finita purtroppo, perché ora è scattata anche l’allerta-tsunami. E se le prime onde - alte cinque metri - si sono già abbattute sulle coste dell’Isola del Sud, a preoccupare sono quelle che arriveranno nelle prossime ore, come spiegato da Sarah Stuart-Black, coordinatore nazionale del Ministero della Difesa Civile: “Le onde future saranno molto più alte”, ha detto.

Nel 2011 un sisma con 185 morti

Va detto che la Nuova Zelanda non è nuova a questi fenomeni. Il 22 febbraio 2011, un altro violento terremoto provocò 185 morti e quasi 2mila feriti. Anche in quel caso l’epicentro fu nella città di Christchurch, che subì danni in moltissimi suoi edifici inclusa la cattedrale, pesantemente danneggiata dalle scosse.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto