Annuncio
Annuncio

La Scienza e la religione hanno finalmente trovato un interesse comune: il cervello umano. Una nuova ricerca rivela la neuroscienza dietro intense esperienze religiose, il che suggerisce che i momenti di illuminazione spirituale sono coordinati dagli stessi circuiti cerebrali che si attivano quando ci si innamora, quando si fa l'amore, si ascolta musica gradevole o si assumono droghe.

"L'esperienza religiosa è forse la parte più influente di come le persone prendono decisioni che riguardano tutti noi, nel bene e nel male. Capire cosa succede nel cervello per contribuire a tali decisioni è molto importante", ha detto il co-autore Jeff Anderson l'Università di Scuola di Medicina dello Utah, in una dichiarazione.

Annuncio

Per capire come la fede influisce l'attività neurologica, i ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale (FMRI) per eseguire la scansione del cervello di 19 cristiani devoti, i quali erano ex missionari. Durante l'esperimento, ai partecipanti è stato regolarmente chiesto se si sentissero come in una sensazione di pace e di vicinanza con Dio in se stessi e gli altri.

I risultati del test

Descrivendo i loro risultati, i ricercatori scrivono che i momenti di intensa esperienza religiosa tendevano ad essere caratterizzati da una forte attivazione in una regione del cervello chiamata nucleus accumbens. Come parte del circuito di ricompensa del cervello, questa zona è fortemente coinvolta nella produzione di sensazioni di piacere in risposta a stimoli come le droghe, il sesso, la musica, cibo e farmaci.

Annuncio

Gli autori dello studio hanno anche scoperto dell'attivazione nella corteccia prefrontale mediale, che è coinvolta in funzioni cognitive superiori come il ragionamento.

Ciò suggerisce che le esperienze religiose sono in parte prodotte dal giudizio consapevole e l'attribuzione di valore agli stimoli religiosi, cioè le persone di fede scelgono attivamente le loro credenze.

Gli autori dello studio avvertono contro le troppe conclusioni, facendo notare che le esperienze religiose possono differire enormemente tra gli individui e le culture, e sono quindi suscettibili ad avere una vasta gamma di cause e conseguenze neurologiche.