Scoperti i due ladri di biciclette dell'Università La Sapienza di Roma, erano due uomini sulla sessantina che ci lavoravano all'interno, due addetti alle pulizie. Dopo alcune settimane di indagini ad opera degli investigatori del commissariato dell'ateneo sono stati scoperti grazie alle telecamere di videosorveglianza. L'indagine è stata condotta dal dottor Mario Spaziani che, dopo aver ricevuto una serie di denunce di furto, si è mosso affinchè queste spiacevoli situazioni avessero una fine. Non si riusciva a capire come potessero scomparire così tante biciclette senza che nessuno se ne accorgesse, poi la scoperta: i due uomini lavoravano all'interno ed erano entrambi dipendenti della ditta di pulzie della Città Universitaria .

La triste scoperta dopo le indagini

A tradirli l'impianto di videosorveglianza e in particolare un video che li ritraeva mentre caricavano una bici sul loro furgone, solitamente per non farsi notare le nascondevano con dei cartoni. L'8 dicembre 2016 un'ispezione da parte delle forze dell'ordine ha poi portato alla scoperta del luogo dove erano custodite. Una delle bici rubate è stata ritrovata nel magazzino della ditta assieme a degli attrezzi per rompere le catene e arnesi da scasso. Altre tre bici, invece, sono state rinvenute nell'abitazione di uno dei due individui. Avevano creato una vera e propria seconda attività lavorativa.

Denunciati i due uomini

Le vittime erano specialmente studenti, ma dalle denunce non mancano alcuni professori, la cosa stava andando avanti da un bel pò, ma ora tutto è stato risolto.

I migliori video del giorno

Non tutte le bici sono state ritrovate, sicuramente già rivendute sotto banco; si è trattato di un gesto poco carino nei confronti di tutti quei studenti che sono già costretti a fare i conti a fine mese. Infine subito dopo le formalità la bici è stata riconsegnata al legittimo proprietario, una studentessa che aveva sporto querela, fondamentale per la risoluzione del caso. Intanto i due uomini sono stati denunciati per furto e ricettazione, possesso ingiusticato di arnesi per lo scasso.