Prima gli ha sbarrato la strada con la sua macchina, poi è sceso e lo ha ucciso con quattro colpi di pistola di testa, senza pietà, come un vero killer. Il tutto davanti agli occhi della moglie in preda al panico. Aldo Panarello, uomo di 35 anni, è morto questa mattina a Lentini, cittadina siciliana collocata tra Catania e Siracusa. Il movente dell'omicidio potrebbe essere un possibile regolamento di conti per questioni di droga.

Omicidio a Lentini: uomo freddato con quattro colpi di pistola alla testa

Il terribile omicidio si è consumato questa mattina, verso le 8:30, a Lentini. Aldo Panarello stava viaggiando con la sua Fiat Punto insieme alla moglie lungo via Toledo dopo aver accompagnato la figlia a scuola, quando una macchina gli ha sbarrato la strada. A quel punto è uscito fuori il killer che gli ha sparato contro quattro colpi di pistola, uccidendolo immediatamente.

La moglie è rimasta illesa. La donna, infatti, è riuscita a fuggire, salvandosi. Immediatamente trasportata all'ospedale, la signora Panarello non è riuscita a dire alcunché agli investigatori per lo choc. L'unica informazione da lei rivelata è stato il motivo per cui lei e suo marito erano usciti: accompagnare la figlia a scuola.

Aveva precedenti per spaccio di droga: possibile un 'regolamento di conti'

La causa dell'omicidio avvenuto in Sicilia potrebbe essere una questione di droga.

Aldo Panarello era stato denunciato in passato per spaccio e non è escluso che il killer abbia agito per 'regolare i conti'. Lentini, tra l'altro, è considerata una zona molto calda e 'viva' per il piccolo mondo della droga siciliano. Gli investigatori stanno continuando le indagini e sono alla ricerca di eventuali testimoni. Il terribile omicidio è avvenuto infatti in una zona molto affollata della cittadina, specialmente al mattino.

Quella zona di via Toledo è piena di uffici e scuole ed è presente anche un mercatino settimanale. Le forze dell'ordine hanno già interrogato molte persone del luogo, ma nessuno ha ancora fornito informazioni determinanti ai fini delle indagini.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto