Attimi di assoluto terrore sul vagone del London Overground train in transito nella zona sud di Londra, nei pressi della Forest Hill Station, quando un uomo completamente vestito di nero e brandendo un coltello, ha cominciato a gridare tra i passeggeri attoniti la frase “voglio uccidere un musulmano”, seguito da altre affermazioni sconnesse quali “tornate in Siria” e “musulmani, ucciderli tutti”.

L’uomo, in visibile stato di confusione, non si sarebbe limitato a terrorizzare con le sue urla le persone a bordo del vagone, ma avrebbe avvicinato un asiatico accoltellandolo alla faccia e al torace.

Il diavolo nei suoi occhi

Secondo le testimonianze dei presenti al momento dell’incredibile episodio, l’uomo responsabile di aver terrorizzato decine di persone e di averne accoltellata una, aveva “il diavolo negli occhi”, un chiaro riferimento al suo stato di evidente follia.

Urlando frasi islamofobiche, ha avvicinato diverse persone agitando un coltello lungo almeno cinque pollici e soffermandosi in particolare modo davanti a soggetti di chiara religione musulmana, come una donna che indossava una hijab, il tipico velo che copre il capo e le spalle, lasciando scoperto il volto.

L’uomo, in evidente stato di alterazione, una volta raggiunta la stazione di Forest Hill sarebbe sceso tranquillamente dal vagone, camminando con calma ma continuando ad urlare frasi contro i musulmani.

L’intervento della polizia

Immediato l’intervento della British Transport Police (BTP), il corpo di polizia in servizio sulle linee ferroviarie urbane e suburbane in Inghilterra, Scozia e Galles, che ha provveduto ad arrestare l’uomo e ad allertare i soccorsi per il ferito. L’aggressore, dell’apparente età di 30-40 anni, è stato trasportato nella locale stazione di Polizia dove è stato sottoposto a interrogatorio mentre la vittima dell’accoltellamento, un giovane dai tratti asiatici, è stato prontamente ricoverato per le lesioni riportate che, stando alle fonti, non sarebbero gravi.

I migliori video del giorno

Un portavoce della BTP avrebbe comunicato che l’episodio, pur nella sua gravità, non è al momento considerato come legato al terrorismo e che le indagini sono in corso per chiarire le circostanze dell’incidente.