Aveva lasciato il figlio di 12 anni in auto, al gelo, per molto tempo. I vigili se ne sono accorti e si sono avvicinati alla macchina, in attesa del ritorno del proprietario. Quando un pakistano 45enne ha notato i vigili vicino alla sua auto si è infuriato. Gli agenti gli hanno chiesto il motivo per cui avesse lasciato il minore in macchina, al freddo. Lui ha risposto che era stato chiamato dal giudice di Pace di Monza. Una giustificazione che non ha rinfrancato gli agenti. Questi, dopo un primo accertamento, hanno scoperto che la revisione della vettura era scaduta. Sotto un sedile, inoltre, c'era un mattarello.

Il pakistano è in cura presso il Cps di Seregno

Gli agenti della Polizia locale di Monza, dopo aver accertato numerose violazioni, hanno invitato il pakistano a recarsi con loro al comando.

Il 45enne, furioso, si è scagliato contro i poliziotti ed ha anche minacciato di darsi fuoco con l'accendino. Un atteggiamento brutale che è costato all'uomo anche le denunce per minacce, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L'immigrato, residente a Seregno, è stato anche denunciato per detenzione illegale di oggetto contundente. L'ira dell'uomo ha insospettito gli agenti, che hanno subito compiuto qualche ricerca sulla sua vita. In effetti, è stato scoperto che il 45enne è in cura presso il Cps di Seregno. Dopo aver denunciato e multato il furente immigrato, i vigili si sono messi in contatto con i servizi sociali per la riconsegna del 12enne alla madre.

I vigili avevano rassicurato il piccolo

'Avevo un appuntamento dal giudice di pace', avrebbe detto il 45enne ai vigili che lo stavano aspettando vicino alla sua Renault Twingo.

I migliori video del giorno

L'uomo avrebbe lasciato il figlioletto in auto per più di un'ora. La vicenda è avvenuta in via Borgazzi, a pochi metri dal centro. I vigili, prima dell'arrivo dell'immigrato, avevano cercato di tranquillizzare il piccolo intirizzito. Era stato proprio quest'ultimo a rivelare agli agenti di trovarsi in macchina da oltre un'ora. Invece di ammettere le sue colpe, il pakistano, una volta uscito dagli uffici del giudice di Pace, è andato in escandescenze, prendendo a calci e pugni i vigili.