Arriva da lontano e lascia sgomenti la triste vicenda svoltasi nello stato di Alabama, in America, e che ha per protagonista un padre, Jay Maynor, colpevole di aver ucciso in nome di una giustizia che ha sete di vendetta.

E' una storia di abusi sessuali e di violenze, perpetuatesi nel tempo e ai danni di una bambina di appena 8 anni, figlia appunto di Maynor, costretta a subire ripetutamente lo stupro dal nonno adottivo, Raymond Eearl Brooks.

E' l'ennesima storia di un'infanzia violata, abbruttita dalla crudezza degli eventi.

La storia

La bimba, preda della paura e della vergogna, subì a lungo gli appetiti sessuali del nonno fino al giorno della verità, quella più dolorosa e che rimarrà indelebilmente scolpita nella sua mente.

I genitori della piccola, venuti a conoscenza del fatto, denunciarono lo stupratore, subito tradotto in carcere e poi condannato a ben 5 anni di reclusione, ma l'uomo, invece, rimase dietro le sbarre solo 27 mesi.

Una beffa agli occhi di Maynor che, accecato, come padre della vittima, dall'odio e dalla sete di giustizia, decise di provvedere da solo, uccidendo Brooks.

Per Maynor non c'è stato niente da fare. Giudicato colpevole di omicidio, è stato condannato a 40 anni di carcere, che attualmente sta scontando nel dolore e nella disperazione.

La petizione

"E' un padre strordinario, il migliore - dichiara oggi la figlia, ormai 24 enne e madre di tre figli- La sua condanna è stata troppo dura: sta vivendo un inferno".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

La preoccupazione per la sorte del padre, provato da eventi terribili e costretto alla reclusione, ha indotto la giovane vittima, protagonista della vicenda all'epoca dei fatti, a sollecitare oggi, unitamente ad altri familiari, l'intervento dell'opinione pubblica.

Oltre 16mila persone hanno infatti sottoscritto una petizione on-line. Questa, indirizzata al Presidente statunitense uscente, Barack Obama e al governatore dello stato dell'Alabama, chiede che Maynor sia liberato o almeno condannato a una pena meno 'pesante', perchè non è assolutamente una minaccia per la società.

Si spera che l'appello di 16mila persone riesca a scalfire i cuori di tutti e che la voce di questo padre, condannato nel novembre scorso, indubbiamente colpevole davanti agli uomini, sappia esprimere tutto il suo dolore.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto