Durante la giornata di ieri ha tremato la terra nella zona dei Campi Flegrei, a Napoli. L'INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) e l'OV (Osservatorio Vesuviano) hanno affermato che data la natura del fenomeno sarebbe stato impossibile fare previsioni di alcun tipo. Oggi però sono arrivate le prime notizie definitive dai due enti. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa è successo ed informiamoci sui piani di evacuazione progettati dalla Protezione Civile.

Campi Flegrei

Ieri, nella zona del supervulcano partenopeo conosciuto con il nome di Campi Flegrei, si è verificato uno sciame sismico che ha spaventato gli abitanti della zona. Benché il Terremoto non abbia superato i 2.5° di magnitudo, è stato avvertito dalla popolazione, siccome aveva un epicentro situato a pochi chilometri dal suolo. Ma alle 19.40 di ieri arriva un aggiornamento dall'Osservatorio Vesuviano, in cui si afferma che lo sciame sismico può considerarsi concluso.

I terremoti registrati sono stati 40, l'ultimo dei quali ha avuto luogo alle 16:35. Nonostante questo i geologi continuano a monitorare la situazione, in modo da avvertire la popolazione per tempo qualsiasi cosa dovesse accadere. Ma andiamo adesso a vedere quali sono i piani della Protezione Civile per mettere al sicuro gli abitanti della zona nel caso in cui i Campi Flegrei dovessero dar luogo a qualche fenomeno più imponente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Protezione Civile

Il decreto della Protezione Civile per l'evacuazione della zona dei Campi Flegrei è stato firmato nel 2016, ufficializzando in questo modo, sulla base dei risultati scientifici, la zona rossa. Questa è quella dove in caso di eruzione arriverebbero i flussi piroclastici. Pozzuoli, il Monte di Procida, Bacoli, Quarto e una buona parte dei comuni di Giugliano in Campania e Marano di Napoli sono le zone comprese nell'area rossa, in cui rientrano anche interamente le municipalità 9 e 10.

Fa parte della lista anche una buona porzione della municipalità 1: i quartieri di San Ferdinando, Posillipo e Chiaia. Infine sono comprese nella zona rossa dei Campi Flegrei anche Chiaiano, l'Arenella e il Vomero. Non ci resta adesso che aspettare nuove notizie dall'Istituto Nazionale di Geologia Vulcanologia, ringraziando i geologi e i ricercatori dell'Osservatorio Vesuviano per l'encomiabile lavoro che compiono ogni giorno per monitorare i Campi Flegrei.

A voi i commenti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto