Oggettistica d'avorio, pellicce di leopardo, souvenir composti da tartarughe marine o pelle d'orso. Il mercato online che smercia la fauna protetta è in piena espansione, secondo un'indagine dell'International Found for Animal Welfare (IFAW).Un mercato senza scrupoli, che fonda le sue radici nell'indifferenza degli acquirenti.

Rarità illecite

Gli esperti dell'organizzazione, che hanno trascorso intere settimane, lo scorso anno, a combattere Internet nelle quattro nazioni - Russia, Francia, Germania e Gran Bretagna - che più detengono pubblicità e annunci di vendita di animali, sia morti che vivi, in pezzi o interi, sostengono che il bottino è stato impressionante: circa 12.000 articoli animali in più di 5.000 annunci distribuiti su un centinaio di siti Web e piattaforme di social media [VIDEO].

Il valore totale del prezzo richiesto? Poco meno di tre milioni di dollari. Oltre quattro quinti degli articoli erano animali vivi, perlopiù tartarughe marine e d'acqua dolce, uccelli e mammiferi.

Mentre è possibile vendere e acquistare alcune specie in via di estinzione con permessi speciali - ai sensi della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES)- , l'80-90% delle transazioni proposte è considerata illegale; e questo secondo Celine Sissler-Bienvenu, direttrice di IFAW in Francia e Africa francofona. "Internet ha trasformato l'economia globale e il commercio illegale di animali selvatici si è trasformato con esso", ha affermato invece Rikkert Reijnen, direttore per la criminalità della fauna selvatica presso l'ONG con sede negli Stati Uniti.

Il mercato dei mammiferi, a differenza delle amate tartarughe, è più vario e crudele; dalle parti del corpo - corna di rinoceronte, ghepardi e pellicce di leopardo, tavolini fatti di zampe di elefante - a una lista chilometrica di specie protette, intrappolate in natura o allevate in cattività in condizioni precarie. "Tra le molte minacce alla fauna selvatica del nostro pianeta, il commercio illegale di animali vivi e le loro parti del corpo è uno dei più disumani", ha dichiarato Reijnen.

Resistere alle tentazioni

La maggior parte degli animali vivi erano in vendita in Russia, inclusi grandi felini, scimmie, lemuri e addirittura un orso. IFAW ha elogiato il "prezioso lavoro" e l'impegno dimostrato dalle principali piattaforme peer-to-peer online come e-Bay [VIDEO], che ha addestrato il proprio personale a partecipare alla lotta contro il traffico illegale di specie selvatiche. Ma i regolamenti nazionali sono lenti e inefficienti, soprattutto per il commercio su Internet. Come regola generale, i venditori, spesso collegati a organizzazioni criminali, sanno di infrangere la legge ma gli acquirenti potrebbero esserne meno consapevoli.

Per questo motivo IFAW ha inoltrato le proprie scoperte alle autorità nazionali e internazionali. Rapporti simili da parte dell'organizzazione in passato hanno portato a procedimenti legali contro venditori e compratori. La speranza è che ciò possa accadere ancora, e che simili trafficanti paghino nuovamente davanti agli occhi della legge.