La casa d’aste Nate D. Sanders di Los Angeles, negli Stati Uniti, ha “battuto” un disegno originale di Paperino, realizzato e autografato da Walt Disney, per poco meno di 12.000 dollari. Lo schizzo è uno dei pochissimi disegnati direttamente da Disney, che a suo tempo aveva affidato al suo team il compito di realizzare quasi tutti i disegni.

Un semplice schizzo, ma si tratta di un pezzo quasi unico

Il disegno battuto all’asta è stato realizzato a matita e misura 5,5 pollici in larghezza e 8,5 in altezza (rispettivamente circa 14 e 21,5 centimetri).

Si tratta di un’opera rarissima, come ha confermato il direttore della casa d’aste, Michael Kirk: “È molto raro trovare un disegno di Donald Duck, realizzato a mano ed autografato da Walt Disney, che aveva raccolto intorno a sé numerosi disegnatori di talento cui affidava quasi l’intera produzione grafica e d’animazione. È proprio questo aspetto dell’attività di Disney a rendere lo schizzo un pezzo unico e da collezione”.

Il prezzo finale del disegno è stato di 11.949 dollari, l’acquirente ha preferito conservare l’anonimato.

Un personaggio nato nel 1934 e noto in tutto il mondo

Walt Disney ha creato il personaggio di Donald Fauntleroy Duck nel 1934, facendolo esordire nel cortometraggio “La gallinella saggia” (The Wise Little Hen): nello stesso anno è comparso per la prima volta nei fumetti della serie “Silly Simphonies”.

Donald Duck era stato concepito come possibile compagno d’avventure di Mickey Mouse (Topolino), ma nel corso degli anni è diventato un personaggio sempre più autonomo, sino a divenire protagonista di innumerevoli cartoons e fumetti.

Famoso in tutto il mondo, tanto che in alcuni casi ha superato per popolarità lo stesso Topolino, è divenuto non solo oggetto di merchandising ma anche testimonial di numerose iniziative.

Lo sviluppo del personaggio, dovuto principalmente a Carl Barks, ha fatto lui il cosiddetto “antieroe per eccellenza” amato da tutti perché profondamente buono e ingenuo, afflitto da perenne sfortuna e anche da una certa dose di pigrizia.

In Italia è comparso per la prima volta nel 1935 con il nome di Paolino Paperino, pubblicato in un allegato al settimanale Topolino. A partire dal 1937 ha avuto una testata tutta sua e dallo stesso anno sono state pubblicate le prime storie realizzate in Italia, affiancate a quelle originali, prodotte negli Stati Uniti e tradotte per il nostro Paese.

Le sue avventure con i nipotini Qui, Quo e Qua, con Zio Paperone, con Nonna Papera e Paperoga, per non parlare del suo alter-ego tutto italiano Paperinik, semplicemente non si contano.

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

Segui la nostra pagina Facebook!