Tre bambini di tre, quattro e sette anni erano costretti dalla madre a prostituirsi in cambio di denaro in una casa e in un garage nei pressi di Siracusa. I fatti sono emersi soltanto nel 2016 dopo varie indagini, ovvero quando i piccoli hanno raccontato ad alcuni operatori sociali delle violenze subite per circa due anni, tra il 2014 e il 2016. La madre è stata messa agli arresti, mentre si viene a conoscenza di un pubblico ufficiale (nello specifico, un carabiniere) fra i clienti, anch'egli arrestato.

I bambini venivano fatti prostituire dalla madre per due anni

Una madre di Siracusa faceva prostituire i suoi figli di 3, 4 e 7 anni in una casa vicino alla città di Siracusa. I fatti sono venuti a galla nel 2016, quando i piccoli erano stati prelevati dalla casa di origine e messi in una struttura protetta, mentre al genitore veniva tolta la patria potestà. I bambini avrebbero raccontato le violenze subite in contesti separati, autonomamente l'uno dall'altro. Una storia orribile di violenze e degrado, che ha fatto emergere altri dettagli inquietanti.

Stando alle parole dei bambini stessi ad alcuni operatori sociali del posto in cui erano ospitati è emerso che fra i clienti che sua madre ingaggiava per poter abusare di loro c'era un carabiniere. Il tutto si è protratto per ben due anni, dal 2014 fino al 2016, quando i piccoli sono stati sottratti alla madre per altri motivi. Sembra che i piccoli vivessero in una situazione di degrado in cui carenti erano anche le condizioni igieniche.

A spingere la donna ad avere un tale atteggiamento nei confronti dei propri figli sarebbe stata la possibilità di guadagnare facilmente dei soldi.

Sono scattati tre arresti: per la madre, il consuocero di lei e il carabiniere che abusava di loro

Ora la mamma dei bambini (43enne disoccupata) è stata arrestata con l'accusa di induzione alla prostituzione minorile. Ma la donna non è stata l'unica ad essere messa dietro le sbarre.

Sono finiti in manette anche il carabiniere, Mario Schiavone di 41 anni, e il consuocero di lei per aver collaborato agli abusi contro i bambini. I luoghi dove la madre dei piccoli organizzava gli appuntamenti per far prostituire i bambini erano due: la casa stessa della donna, in cui abitava con i tre figli; e un garage nelle vicinanze. Ora i tre accusati della tanto assurda, quanto orribile vicenda, negano ogni cosa, dagli abusi all'organizzazione per compierli, ma ovviamente sono comunque in attesa di giudizio.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!