Continuano gli sbarchi sulle coste siciliane. La notte scorsa, intorno alle 04:00, 47 migranti, tra cui 10 donne, sono arrivati al porto di Pozzallo trasportati da un pattugliatore della Guardia di Finanza.

Il numero delle persone originariamente soccorse ammontava a 53, circa la metà di origini tunisine, quando una motovedetta della Guardia Costiera ha soccorso il barcone nel Canale di Sicilia. Sei di loro sono stati trasferiti d’urgenza a Lampedusa per cure mediche, mentre i restanti 47, provenienti dal Camerun e dalla Costa d’Avorio, oltre che dalla Tunisia, sono stati indirizzati a Pozzallo, per via della saturazione dell’hot-spot dell’isola in seguito agli sbarchi dei giorni scorsi.

Nessuno di essi è stato ospedalizzato. Diversi di loro non sarebbero transitati di centri di detenzione libici, da cui i trafficanti fanno partire i migranti, le cosiddette “connection house”.

Presso l’hot-spot di Pozzallo sono state effettuate le procedure di identificazione con la collaborazione del personale Frontex.

La Alan Kurdi continua i soccorsi

Sempre durante la mattina di oggi, intanto, una barca di legno con a bordo 44 migranti è stata soccorsa dalla nave Alan Kurdi della Ong tedesca Sea Eye, con l’ausilio delle autorità maltesi.

Tra i migranti vi erano quattro donne e tre bambini. L’imbarcazione era in mare da sabato e senza carburante.

Oltre il decreto sicurezza bis

Navi della Marina Militare e della Guardia di Finanza a difesa dei porti: sono solo alcune delle misure contro l’immigrazione irregolare che, insieme all’utilizzo di radar e mezzi aerei, dovrebbero ridurre le partenze dei migranti. È ciò che è emerso dal Viminale, nel corso del Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza, presieduto dal Ministro degli Interni Matteo Salvini nella giornata di ieri.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Salvini, in polemica con Trenta e Tria, ha confermato che le navi militari hanno il compito di difendere i porti, e quindi i confini, e di evitare che vengano portati i “clandestini in Italia”.

Ulteriore misura sarà il tentativo di aumento dei rimpatri verso la Tunisia, e l’invio di dieci ulteriori motovedette alla Guardia Costiera libica.

Due emendamenti

Due distinti emendamenti sono intanto stati presentati in Parlamento.

Uno dal Movimento 5 Stelle, che prevede la confisca anticipata della nave al primo ingresso illegittimo in acque italiane e non più, quindi, solo in caso di reiterazione.

Uno è stato, invece, avanzato dalla Lega, inerente all’inasprimento delle multe alle navi che violino i divieti. La sanzione dovrebbe oscillare dai 150 mila euro a un milione, invece del range 10-50 mila euro attuali.

Anche il Premier Giuseppe Conte è voluto intervenire, convocando i ministri per un vertice sull’immigrazione, che si terrà domani alle 19:00, in seguito al “progressivo aumento delle imbarcazioni che trasportano migranti, pretendendo un attracco ai nostri porti”.

Per il capo del Governo è importante che le iniziative dei ministri competenti vengano coordinate, per evitare malintesi o sovrapposizioni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto